Ictus ensemble alla Cavallerizza
Profondità bizzarre e crepuscolari tra musica rinascimentale e contemporanea

9/11/2019 -“Darker than black” approda al festival Aperto (Teatro Cavallerizza, ore 18) domenica 10 novembre con l’ensemble belga Ictus ed è un concerto che si muove sulla soglia di un confine ideale, quello fra musica contemporanea e musica rinascimentale, in forme brevi e ombrose, anche di canzone.

Una voce chiara senza vibrato del soprano Theresa Dlouhy, la chitarra di Tom Pauwels, la viola da gamba dal tocco sfumato di Eva Reiter, intessono un patchwork di miniature avvelenate e deliziose: melodie dolciamare, ostinati à la Purcell, canzoni pop rallentate cento volte, confidenze notturne…

Theresa Dlouhy

Un concerto di canzoni brevi, di oggi e di ieri, come si diceva un volta in tempi a tal punto dileguati da chiedersi se siano realmente esistiti o se siano stati un sogno – del resto chi può provare che siamo svegli?

Un programma che alterna compositori di oggi (Arthur Lavandier, Wolfgang Mitterer, Bernhard Gander, Francesco Filidei, Burkhard Stangl, Eva Reiter) a compositori di ieri, o dell’altro ieri (John Dowland, Tobias Hume, Thomas Campian, Stephen Goodall).

Fra il repertorio contemporaneo e quello rinascimentale, questo concerto in trio è “Darker than black”, un’ode alla “bile nera”: il tono malinconico, il liquore saturnino, senza i quali i musicisti sfoggerebbero un sorriso così sdolcinato sui lori volti, quasi da prenderli a schiaffi. Un concerto sul punto di essere calmo, semplice e triste, se non si sentisse quanto i musicisti siano abitati dalla passione per l’ornato, per il crepuscolare, per il bizzarro.

Tom Pauwels

Teatro Cavallerizza

domenica 10 novembre 2019, ore 18.00

Darker Than Black

Ictus Ensemble

Eva Reiter viola da gamba – Theresa Dlouhy soprano – Tom Pauwels chitarra
 

John Dowland, Mourne, Mourne, Day is with Darkness fled, per voce, viola da gamba, chitarra (XVI-XVII sec.)

John dowland, What if A Day, per viola da gamba (XVI-XVII sec.)

John Dowland, Time stands still per voce, viola da gamba, chitarra (XVI-XVII sec.)

Arthur Lavandier, My Naked Lady framed, for soprano and gamba (2013)

Tobias Hume, What greater Grief, per voce e viola da gamba (XVI-XVII sec.)

Tobias Hume, Loves Farewell, per viola da gamba (XVI-XVII sec.)

Wolfgang Mitterer, Mourn, Mourn, per soprano, viola da gamba, chitarra (2013)

Bernhard Gander, Darkness awaits us, per soprano, viola da gamba (2013)

Thomas Campian, All lookes be pale, per soprano, viola da gamba, liuto (XVI-XVII sec.)

Francesco Filidei, …And here they do not, per soprano, viola da gamba (2014)

John Dowland, Time stands still, per soprano, viola da gamba, chitarra (XVI-XVII sec.)

Stephen Goodall, Untitled, per viola da gamba (XVII sec.)

Burkhard Stangl, Nights, per soprano, viola da gamba, chitarra (2009)

Bernhard Gander, Neid, per soprano, chitarra (2012)

Burkhard Stangl, With you, per soprano, viola da gamba, chitarra (2009)

Eva Reiter, My iron-spurred Lady, per performer e chitarra

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *