Autostrada Cispadana: valutazione d’impatto, progetto rivisto
Donini e Bonaccini giurano: “Nel 2020 apertura del cantiere”

25/11/2019 – Un investimento di ulteriori 100 milioni di euro, “entro due mesi la validazione del progetto definitivo” e “un’analisi dell’impatto di sostenibilità” ambientale sociale ed economica dell’opera. In questo modo “ci sono tutte le condizioni per arrivare al cantiere a fine 2020 o nei primi mesi del 2021”.

Così l’assessore regionale alle Infrastrutture Raffaele Donini ha presentato le novità sulla Cispadana, l’autostrada che collegherà Reggiolo-Rolo nel Reggiano a Ferrara.

Bonaccini e l’assessore Donini

Insieme al governatore Stefano Bonaccini, Donini ha illustrato il progetto adeguato alle prescrizioni della Valutazione di impatto ambientale e il cronoprogramma a sindacati, imprese e istituzioni che aderiscono al Patto per il Lavoro, poi ai cronisti ha spiegato: “Autobrennero ha manifestato la volontà di ricapitalizzare la società Arc, incaricata delle progettazione e della realizzazione. Nel 2020 la Regione, essendo concedente, svolgerà la Conferenza dei servizi e l’attuatore realizzerà il progetto esecutivo e il cantiere”.

(fonte: ansa.it)

GALLI (FORZA ITALIA): “UNA BEFFA. LA CISPADANA SERVE E VA FATTA IN TEMPI BREVI”

“Un’opera attesa da decenni, pretesa dal mondo delle imprese e dal territorio che ora viene messa in discussione dal Pd di Bonaccini, terrorizzato di perdere le elezioni, per ingraziarsi i 5 Stelle”. Lo afferma il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli. “L’annuncio di oggi di Donini e Bonaccini suona come una beffa rispetto a chi da tempo immemore chiede venga realizzata la Cispadana. La giunta regionale dopo aver chiesto a gran voce di fare presto e di procedere col cantiere, scopre ora, a due mesi dal voto, che serve una analisi del progetto definitivo prima di procedere coi lavori e, di fronte a questo incredibile annuncio, i 5 Stelle cantano vittoria per quello che di fatto è lo stop al progetto” – continua Galli. “Il Pd è nel caos più completo e pur di racimolare qualche consenso è pronto a tradire quanto promesso ripetutamente da anni. Ma quella strada serve e, così come la Bretella Campogalliano-Sassuolo, deve essere realizzata in tempi brevi. Ogni pretesto per ritardare l’avvio del cantiere è una presa in giro e noi non lo permetteremo”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *