Spaccio di droga e furti nei negozi
La baby gang dei quindicenni
Indagati 19 ragazzi, di cui 15 minorenni. Due arresti

26/10/2019 – Spacciavano hascisc e marijuana, organizzandosi in chat con gli smartphone, e mettevano a segno di tanto in tanto anche piccoli furti negli esercizi commerciali  del comprensorio ceramico reggiano dove razziavano danaro contante e generi alimentari (solo per “divertirsi”, cosi sembra) : per questo 19 ragazzi, di cui 15 minorenni, sono finiti nella rete dei carabinieri di Reggio Emilia, nel corso di un’operazione volta smantellare quella che viene considerata una gang di baby pusher ben strutturata attiva nelle province di Reggio Emilia e Modena.

A seguito delle perquisizioni scattate oggi in una ventina di abitazioni, ordinate dalla Procura dei minorenni di Bologna e dalla Procura di Reggio Emilia, sono finiti nel registro degli indagati in 19, tra reggiani e modenesi, di cui 15 minorenni tra i 15 e i 17 anni e quattro maggiorenni (tre reggiani e uno modenese) tra i 22 e i 26 anni. Due di loro sono stati arrestati: uno, maggiorenne, perché a casa aveva tra l’altro una serra di piante di marijuana e droga già confezionata, e un altro, minorenne, perché trovato con denaro riconducibile allo spaccio.

Gli indagati sono tutti accusati a vario titolo di spaccio di stupefacenti, alcuni dei minorenni anche di furto aggravato.

L’uscita dei mezzi dei carabinieri impegnati nel blitz

Nel corso delle perquisizioni i Carabinieri della Compagnia di Reggio Emila hanno proceduto al sequestro di circa un etto e mezzo di droga tra marjuana e hascisc, vario materiale per il confezionamento, appunti contabili inerenti l’attività di spaccio, contanti per circa 2.000 euro ritenuto provento dello spaccio, una ventina di smartphone che, secondo gli investigatori, servivano a tenere i contati con i clienti, prevslentemente nelle chat di WhatsApp.

Il maggiorenne arrestato, di Reggio emilia, oltre alla serra domestica con le piante di marijuana, aveva anche una settantina di grammi di “erba” suddivisa in dosi e e la contabilità dello spaccio.

Il minorenne invece aveva 50 grammi di marjuana e 20 di hascisc e oltre oltre 1.000 euro in contanti ritenuti provento dell’illecita attività. Sequestrte anche due pistole scacciacani trovate nell’abitazione di uno dei perquisiti. Le malefatte della baby gang erano note anche a numerosi cittadini tanto è che le indagini hanno trovato riscontro anche in alcune segnalazioni pervenute ai carabinieri.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.