Reggiana fermata a Vicenza con un gol da 40 metri
Prima sconfitta stagionale, Kargbo espulso al 92’…

DI PAOLO COMASTRI

Paolo Comastri

21/10/2019 – La Reggiana arresta la sua corsa al “Menti” di Vicenza; un, quasi, eurogol del terzino veneto Bruscagin al 40mo del primo tempo certifica la prima sconfitta stagionale dei granata.

Oltre il danno pure la beffa con l’opinabilissima espulsione di Kargbo al 92,o che terrà lontano dal campo l’attaccante della Sierra Leone almeno per un turno.

La Reggiana ha giocato una buona partita contro gli avversari biancorossi, allo stato più quotati nella corsa alla promozione e capaci, malgrado le poche opportunità create, di restare in partita fino all’ultimo.

I granata sono scesi in campo con Augustus Kargbo titolare malgrado nell’ultima settimana non si sia allenato e pertanto non certo nella sua condizione fisica ottimale; per quanto concerne il resto della formazione la scelta di mister Alivi è stata quella di rinuciare alle due punte con Zanini e Staiti a fare da trequartisti.

Mossa azzeccata perché in pochi minuti i granata colpiscono il palo con il primo e sfiorato il gol con il secondo; la Reggiana soffre però fin da subito le ripartenze di un Vicenza che, nell’uno contro uno, ha creato poi per tutta la partita molti problemi soprattutto a Spanò ed Espeche, che più volte hanno sofferto un Vicenza propositivo e una coppia d’attacco dinamica come quella formata da Marotta e Saraniti che comunque mancano l’appuntamento con il gol arrivato invece da una vera e propria prodezza del difensore Bruscagin dai 40 metri, che s’infila in porta; da sottolineare che, forse, Narduzzo non è impeccabile.

L’ingresso di Scappini nel secondo tempo, al 16’, dà una scossa alla Reggiana che rischia di capitolare per due volte con le occasioni, mancate, di Rigoni e Saraniti prima del suo tentativo in rovesciata. Unico squillo nel match della punta, al rientro dopo quattro gare lontano dal campo, e non ancora al meglio. Le due punte hanno provato a creare grattacapi alla difesa vicentina, che ha retto molto bene: la più ghiotta opportunità capita da colpo di testa di Kirwan al 29′, ma la sfera viene bloccata da Grandi in presa bassa.

Kargbo, il giovane asso della Sierra Leone

Festa del pubblico, con ben 9.500 spettatori presenti ad assistere alla partita e il terzo tempo dei tifosi nel dopo gara; in mezzo, la bella coreografia a inizio gara dei tifosi granata, che ha riempito il settore ospiti di colori granata e biancorossi e la scritta “Nella gioia o in mezzo ai guai, sempre spalla a spalla ci troverai”. Messaggio ricambiato nel corso del match dai supporters vicentini. “Sulla strada o in gradinata, sempre al fianco del fratello granata” – firmato Curva Sud Vicenza. A fine gara gli applausi, bipartisan, ad entrambe le squadre.

La classifica dopo 10 giornate: Padova 22; Vicenza 21; Carpi 20; Reggiana, SudTirol 19; Sambenedettese 18; Piacenza, V. Verona 16; Feralpisalò 15; Triestina, Ravenna 13; Cesena, Pesaro 11; Modena, Fano 10; Rimini, Fermana, Arzignano 8; Gubbio 6; Imolese 5. Modena e Fermana una partita in meno.

Il tabellino

VICENZA – REGGIANA 1-0 (finale)

Marcatori: pt 40′ Bruscagin.

VICENZA (4-3-1-2) Grandi; Bruscagin, Padella, Cappelletti, Liviero; Vandeputte, Pontisso (20′ st Cinelli), Rigoni (20′ st Zonta); Giacomelli; Marotta, Saraniti (26′ st Pasini). A disposizione: Albertazzi, Bianchi, Bizzotto, Bonetto, Scoppa, Emmanuello, Tronco, Guerra, Arma. Allenatore: Domenico Di Carlo

REGGIANA (3-4-2-1) Narduzzo; Spanò, Rozzio (45′ st Haruna), Espeche; Libutti, Rossi, Varone (30′ st Brodic), Favale (16′ st Kirwan); Zanini (16′ st Scappini), Staiti (30′ st Radrezza); Kargbo. A disposizione: Voltolini, Martinelli, Santovito, Muto, Costa. Allenatore: Massimiliano Alvini.

Arbitro: Gariglio di Pinerolo (Massimino di Cuneo e Gualtieri di Asti).

Note – Spettatori 9.533 di cui 604 ospiti. Angoli: 5-5. Espulso Kargbo per gioco pericoloso al 47′ del secondo tempo. Ammoniti Favale, Liviero, Giacomelli. Nessun minuto di recupero nel primo tempo, 3′ nel secondo tempo.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.