Leonardo, la matematica e l’arte Conferenza della Società di studi storici con Luigi Grasselli e Franca Manenti Valli

Anche la Società Reggiana di Studi Storici vuole celebrare il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, genio assoluto e indiscusso del Rinascimento italiano ed europeo. Scienziato poliedrico e dal notevole ingegno, Leonardo ha lasciato la sua impronta indelebile nei più diversi ambiti della scienza e dell’arte: dall’ingegneria alla pittura, dalle scienze naturali alla musica, dall’architettura alla letteratura.

Leonardo da Vinci, autoritratto

Venerdì 11 ottobre alle ore 17 nel Convento dei Frati Cappuccini-Sala Padre Daniele da Torricella di Via Ferrari Bonini a Reggio Emilia è in programma la conferenza “Leonardo da Vinci (1519-2019) 500° della morte” presieduta da Davide Dazzi, Presidente della Società Reggiana di Studi Storici.

Interverranno il professor Luigi Grasselli su Il mondo matematico di Leonardo e l’architetto Franca Manenti Valli su Leonardo: la matematica nell’arte.

Luigi Grasselli, laureato in Matematica, è Professore Ordinario di Geometria presso il Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio Emilia. É stato Prorettore dell’Ateneo per la sede di Reggio Emilia dal 2000 al 2005 e dal 2008 al 2013.

Luigi Grasselli

Autore di oltre 50 pubblicazioni scientifiche, su riviste nazionali ed internazionali, riguardanti argomenti di Topologia Algebrica, Geometrica e Combinatoria, Teoria dei nodi, Teoria dei Grafi. Più recentemente si è occupato di storia della Matematica e dei rapporti tra Arte e Geometria.

Per la Società Reggiana di Studi Storici ha scritto (con F. Anceschi) il testo “Giuseppe Sforza”, nel volume I Grandi Reggiani sul sentiero della scienza.

Franca Manenti Valli, architetto, affianca all’attività professionale nell’edilizia e nel restauro la ricerca del linguaggio simbolico compositivo sotteso alle strutture antiche. Significative esperienze nell’ambito della contemporaneità e realizzazioni nel campo della architettura storica si accompagnano a un’intensa attività di promozione culturale. Consigliere dal 1996 al 2002 dell’Istituto Beni Culturali dell’Emilia-Romagna, è consigliere scientifico dell’Istituto Italiano dei Castelli e membro emerito della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi.

Autrice di numerosi volumi e articoli scientifici, ha pubblicato anche diversi contributi sulla rivista Reggio Storia. Di risonanza internazionale il suo volume su Pisa. Lo spazio e il sacro in cui Manenti Valli ha svelato i segreti della teologia nascosta nei numeri e progetti originari di Piazza dei Miracoli.

Franca Manenti Valli

L’incontro è organizzato in collaborazione con i Beni culturali Cappuccini Emilia-Romagna con il patrocinio della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi – Sezione di Reggio Emilia.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.