LA STAMPA E’ LIBERA O IN LIBERTA’ VIGILATA?
Querele temerarie nei confronti di testate reggiane

DI MARIO GUIDETTI*

Caro direttore, cari giornalisti,
quando si parla di stampa, non si può sottacere che sia “la professione più bella e RISCHIOSA del mondo”. Di pari passo l’interrogativo: “La stampa è libera od in libertà vigilata?”

Tale affermazione è supportata dal fatto che ricerca della verità, responsabilità e libertà sono inseparabili. L’etica è l’obiettivo più importante della professione di giornalista.

Ma quale rapporto dei mezzi di informazione con la libertà di informazione sancito dall’art. 21 della Costituzione?

Il tema dei rischi legati alla professione (minacce, pressioni indebite, querele temerarie da chi si crede untouchable, la pena del carcere per diffamazione, tentativi di imbavagliare la libera stampa) è da tempo monitorato dall’Ordine dei Giornalisti.
Ecco un caso fresco fresco di querele e cause “temerarie”.

Ingaggiando fior fior di avvocati, leggiamo che i rappresentanti di interessi economici sono ricorsi alle vie legali nei confronti di due testate reggiane (La Voce e Reggio Report) e di Pierluigi Ghiggini, giornalista, chiedendo milioni di euro di danni per articoli ritenuti non graditi, diffamatori.

Si riferiscono ad un giornalismo di inchiesta di giornalisti con la schiena diritta che hanno scavato, verificato per scrivere parole di verità.

Quei rappresentanti di interessi economici, anziché avvalersi del diritto di replica, hanno preferito scegliere le vie giudiziarie, illudendosi di limitare la libertà di stampa con una causa per diffamazione che noi definiamo “una querela temeraria”. In attesa che la querela faccia il proprio corso, solidarietà al collega giornalista ed agli editori.


Questi i fatti che ci stimolano nell’approfondire il tema: “La stampa è libera od in libertà vigilata?”
– Mentre dal marzo 2013 un provvedimento per cambiare la barbarie della legge sulla diffamazione rimbalza tra Camera e Senato, senza essere approvato., i giornalisti continuano ad essere condannati al carcere…
– “No al carcere per i giornalisti”. Con questo slogan, mercoledì 15 giugno 2016 eravamo sotto l’obelisco di Montecitorio, a Roma, per difendere il diritto dei cittadini ad essere informati correttamente. Per far tacere i giornalisti da tempo c’è infatti l’abitudine di minacciarli con le cosiddette querele temerarie per diffamazione a mezzo stampa, reato che prevede non solo sanzioni pecuniarie, ma anche richieste risarcitorie di importi esorbitanti e il carcere fino a sei anni.

Per la “Libertà di stampa”
“La libertà di informazione, come il pluralismo, deve rimanere uno dei pilastri su cui si regge un sistema davvero democratico” – ha scritto Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, nel suo messaggio all’Ordine dei Giornalisti – Il mio augurio è che guardando alla gloriosa storia del giornalismo italiano e al sacrificio di molti vostri colleghi, essa sia sempre di più la casa della trasparenza, della verità, della professionalità, della formazione e della deontologia professionale”

Io ho un concetto etico del giornalismo. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza e la criminalità, impone ai politici il buon governo. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni e le violenze che non è mai stato capace di combattere”. Lo scrisse Giuseppe Fava , e Fava fu assassinato dalla mafia.

“Il dovere della verità” – sta scritto all’ingresso della sede nazionale dell’Ordine

Come detto, il sottoscritto, il collega Fabio Zani e l’amica (pure lei giornalista) Anita Garibaldi eravamo in Piazza Montecitorio per chiedere una nuova legge che punisse sì la diffamazione a mezzo stampa, ma evitando il carcere. Per le querele temerarie, una norma che preveda, da parte del querelante, il deposito di una somma pari al 50% rispetto a quella richiesta per danni; tale somma verrebbe consegnata al querelato qualora il giudizio fosse a lui favorevole.

Perché la stampa “è in libertà vigilata”
1. L’editore condiziona la linea.

2. I grandi (e per le testate web, anche i modesti/piccoli) inserzionisti sono simili agli “untouchables”.

3. Le minacce da parte di ‘ndrangheta, camorra, mafia

4. La querela per diffamazione.

5. Le subdole querele temerarie con richiesta di danni patrimoniali.

Il giornalismo, nonostante tutto, è un mestiere che si sceglie per passione.

E per questo lo si vorrebbe continuare a fare. Basterebbe poco, basterebbero condizioni minime migliori e sembra che, finalmente, qualcosa si muova. Mi riferiscono alla pubblicazione, il 3 luglio della proposta di legge Liuzzi e Businarolo: ‘Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice di procedura civile in materia di diffamazione, di diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di diffusione e di condanna del querelante’ (Atto Camera: 1700).

In attesa di poter dire “Ad maiora”, dobbiamo purtroppo, concludere con “Ad Malora”

(Mario Paolo Guidetti – consigliere Ordine dei Giornalisti Emilia-Romagna )

Be Sociable, Share!

2 risposte a LA STAMPA E’ LIBERA O IN LIBERTA’ VIGILATA?
Querele temerarie nei confronti di testate reggiane

  1. Fausto Poli Rispondi

    03/10/2019 alle 14:11

    La stampa e’ sorvegliata speciale.

    • Matematico Rispondi

      04/10/2019 alle 11:40

      E invece la Giustizia purtroppo ancora no….onde uno più uno uguale due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.