Il biometano e i rischi per il Parmigiano Reggiano
Tamino infiamma Gavassa, oltre 300 persone all’assemblea

16/10/2019 – Martedì sera oltre 300 persone, nella palestra di Gavassa, hanno assistito alla lezione del prof. Gianni Tamino, docente emerito e biologo di fama internazionale che in maniera approfondita ha spiegato perchè un impianto biogas/biometano come quello progettato a Gavassa “è sbagliato sotto tutti i punti di vista”.

Tamino ha contestato uno alla volta “i documenti che l’azienda proponente ha presentato per la Valutazione di Impatto Ambientale”, spiegando “la truffa economica del produrre “bio”metano – riferiscono gli organizzatori della serata – e dilungandosi in particolare sui rischi certi che l’ammendante in uscita dall’impianto potrebbe provocare alla filiera del Parmigiano Reggiano”.

L’assemblea di Gavassa con Gianni Tamino

Tamino ha illustrato gli studi scientifici evidenziano “tutti i problemi microbiologici” per cui “bisognerebbe adottare il principio di precauzione per evitare danni dalle conseguenze difficilmente calcolabili”. Ha poi risposto alle domande del pubblico: presenti numerosi Consiglieri Comunali di maggioranza e opposizione, agricoltori, tanti produttori e anche i vertici delle locali sigle del mondo agricolo tra cui Legacoop, Confcooperative, Confagricoltura, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Consorzio dei Vini Reggiani, Consorzio Fitosanitario, diversi Presidenti di Latterie, sindacati e ISDE medici per l’ambiente di Reggio”. Erano presenti anche dei rappresentanti di Iren “che però non sono intervenuti: sempre meglio del Sindaco che invitato purtroppo non si è presentato”.

Gli organizzatori confermano anche la trattorata di Sabato mattina 19 Ottobre, con la sfilata dei mezzi agricoli in circonvallazione a Reggio e in piazza Martiri davanti alla ex Banca d’Italia per concludersi sotto il Municipio. Prevista anche una biciclettata in contemporanea alla “trattorata”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.