Delrio sbalordisce la commissione Antimafia
“Mai fatta campagna elettorale a Cutro”

23/10/2019 -“Devo premettere che agli atti rimangono le affermazioni dei pm che dichiarano che le posizioni mie personali sono sempre state nette e chiare contro il fenomeno ‘ndranghetista”. Lo ha detto il presidente dei deputati Pd Graziano Delrio, già sindaco di Reggio e già ministro della Repubblica, sentito in audizione davanti alla Commissione parlamentare Antimafia a proposito della sua visita alla città di Cutro, terra d’origine di parecchie migliaia di reggiani, e con essi della cosca Grande Aracri, durante la festa del Santissimo Crocifisso, nel 2009 quando era ricandidato a primo cittadino di Reggio.

Graziano Delrio col costruttore Antonio Rizzo a Cutro. La foto fu pubblicata alla vigilia delle elezioni comunali sul Sole 24 Ore, in una pagina a pagamento

Delrio, ricordando le varie azioni promosse dalla sua amministrazione per la lotta alla criminalità, ha osservato: “Il mio comune era impegnato in modo molto forte” contro la criminalità organizzata aggiungendo che la sua posizione è sempre stata “netta e chiara”. La ‘ndrangheta è “un fenomeno radicato e in tutto il Nord da decenni”, ha sottolineato.
“Sono stato invitato in quanto la città aveva stretto un patto di amicizia con Cutro e fui invitato in quanto sindaco” di Reggio Emilia, ha sottolineato ancora Delrio spiegando di essere andato a Cutro in visita di rappresentanza e di non aver mai fatto campagna elettorale. 

2009: Delrio con sindaci e personalità del Crotonese sotto il Crocefisso di Cutro

“Il sindaco di Cutro mi aveva invitato anche negli anni precedenti e non ero andato, noi lo avevamo invitato negli anni precedenti alla Festa della Liberazione e lo avevo invitato a prenderne parte nell’aprile 2008 quando la Festa fu celebrata facendo parlare i ragazzi di alcune cooperative della Locride” visto che “avevamo promosso un gemellaggio tra cooperative reggiane e della <Locride” per la lotta alla criminalità organizzata. Il deputato dem ha infine ribadito ai componenti della commissione Antimafia di essere stato chiamato a parlare in audizione “in qualità di candidato sindaco non indagato” e quindi, facendo riferimento alle polemiche per la sua visita nel 2009 a Cutro quando era ricandidato alle comunali di Reggio Emilia, ha sottolineato: “non va alimentata la macchina del fango”.

Campagna elettorale del 2009, Delrio sindaco di Reggio Emilia a Cutro insieme al collega locale


E’ noto che davanti alla Procura antimafia Delrio dichiarò di non sapere che il boss Nicolino Grande Aracri fosse cutrese. Inoltre fu lui ad accompagnare dal Prefetto Antonella De Miro i consigliere comunali reggiani della comunità cutrese.
(Fonti: adnkronos, Reggio Report)

Condividi

4 risposte a Delrio sbalordisce la commissione Antimafia
“Mai fatta campagna elettorale a Cutro”

  1. Marco Rispondi

    23/10/2019 alle 18:04

  2. F. D. Rispondi

    23/10/2019 alle 18:10

    Tempa Rossa. Questo è il nome dell’ affare del petrolio che Delrio non vuole nominare. Eh già perchè su Tempa Rossa andrebbe aperta un’ altra indagine..

  3. Guru Rispondi

    23/10/2019 alle 22:41

    Fausto Poli. 1200 Cutresi arrestati da Gratteri. Del Rio spiegatemi se e’ o no un ministro che ha definitivamente allacciato
    Il patto Stato mafia. ????? Carminati libero. Quello di mafia capitale..
    ….. ??????

  4. Fausto Poli Rispondi

    23/10/2019 alle 22:43

    Mentre parlano in tv di bancomat, dietro auccede il finimondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *