Comune di Reggio, il patrimonio sfiora il miliardo
Approvato il bilancio consolidato: la giunta si loda, le opposizioni votano no ai conti

1/0/2019 – Con venti voti della maggioranza Pd-Reggio E’- Immagina Reggio) e 2 contrari delle opposizioni (Lega, M5S, Alleanza Civica e Gruppo Misto) Il Consiglio comunale di Reggio Emilia ha approvato il Bilancio consolidato 2018.

Il bilancio consolidato dcella holding comunale rappresenta la situazione patrimoniale e il risultato economico della complessiva attività dall’ente attraverso le proprie articolazioni organizzative. Comprende anche i conti di enti strumentali, società controllate e partecipate.

Le opposizioni ritengono che sia un bilancio complessivamente mediocre, per non dire preoccupante stante il disavanzo- come rilevato dalla consigliera Rubertelli – di 3,7 milioni di euro della gestione caratteristica, causato essenzialmente dall’incremento delle spese del personale.

Per l’assessore Daniele Marchi invece si tratta di risultati “molto buoni”: “Tutte le nostre società sono in attivo, in equilibrio finanziario e solide sotto il profilo patrimoniale. Welfare, educazione, cultura, mobilità e innovazione sono politiche nelle quali il Comune opera anche attraverso le sue società e organismi partecipati”.

Nel consolidato confluiscono i conti relativi a oltre 2.600 dipendenti con “un valore della produzione superiore ai 440 milioni di euro e un patrimonio netto che sfiora il miliardo di euro: per la precisione 993.390.063 euro “in aumento rispetto al consolidato 2017”.

Risultano in ulteriore diminuzione indebitamento e costi per servizi e acquisti -ha sottolineato Marchi – e questo è indice di una gestione pianificata, che tende all’efficienza e alla razionalizzazione, nell’ambito della governance della holding”.

L’area di consolidamento 2018 del Comune comprende: Istituzione Scuole e Nidi dell’Infanzia, Azienda speciale Farmacie comunali riunite (Fcr), Asp Reggio Emilia Città delle persone, Consorzio Act, Fondazione per lo Sport e Fondazione Mondinsieme, Acer-Azienda Casa Emilia-Romagna, Fondazione I Teatri, Fondazione nazionale della Danza, Fondazione E35, Fondazione Palazzo Magnani, Campus Reggio srl, Stu Reggiane spa, Agac Infrastrutture spa, Reggio Children srl, Agenzia locale per la Mobilità srl, Aeroporto spa, Crpa spa, Trasporti integrati e logistica srl, Reggio Emilia Fiere (in liquidazione), Reggio Emilia Innovazione (in liquidazione), Lepida spa, Piacenza Infrastrutture spa”.

Il Comune ha azzerato la propria quota di Reggio fiere con una perdita di 15 milionio di euro.

RISULTATI – “Tutti e 21 gli organismi partecipati in attività inclusi nell’area di consolidamento presentano un risultato economico d’esercizio positivo– si legge in una nota del comune – Le due società in liquidazione (Reggio Emilia Innovazione e Reggio Emilia Fiere) stanno proseguendo i rispettivi iter liquidatori.

Reggio Emilia Innovazione ha conseguito, nell’esercizio 2018, un risultato positivo d’esercizio, mentre per quanto riguarda le Fiere si registra un risultato negativo dell’esercizio, unico tra le partecipate consolidate, per effetto della svalutazione dell’asset immobiliare di via Filangieri dopo alcune aste andate deserte.

Il risultato complessivo prima delle imposte è positivo e pari a 9.943.636 euro (in crescita di oltre tre milioni di euro rispetto al consolidato 2017), mentre le imposte (Irap e Ires) incidono negativamente per un totale di 5.900.397 euro.

Il risultato economico consolidato complessivo 2018 è pari a 4.043.239 euro (di cui 2,2 milioni risultato di pertinenza di terzi), in sensibile aumento rispetto ai 270.388 euro del consolidato 2017: il dato 2018 è ottenuto anche grazie ai risultati economici positivi degli organismi partecipati, cioè le società partecipate.

Il livello di indebitamento complessivo è in diminuzione di oltre 6 milioni di euro nel 2018 rispetto all’esercizio precedente.

L’indice di autonomia finanziaria (dato dal rapporto tra patrimonio netto più conferimenti sul totale dell’attivo) nel 2018 è pari a 0,69 in linea con i valori storici, ed è al di sopra dei valori ritenuti soddisfacenti dalla prassi.

Dal punto di vista reddituale, nel 2018 i risultati delle gestioni finanziaria e straordinaria sono complessivamente positivi”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *