Violenza sessuale su ragazza di 20 anni
Specialista sospeso dalla professione

25/9/2019 – Nella giornata di ieri, in esecuzione di un’ordinanza del Gip, la Squadra Mobile di Parma ha dato esecuzione alla misura interdittiva della sospensione dalla professione nei confronti del posturologo Carlo Robuschi per il reato di violenza sessuale nei confronti di una sua paziente reggiana di 20 anni.

In particolare, la ragazza, che tempo prima era rimasta coinvolta insieme alla madre in un incidente stradale e aveva riportato un colpo di frusta cervicale, agli inizi di quest’anno si era rivolta allo specialista.

Il posturologo Carlo Robuschi

Le indagini, condotte dalla Procura di Parma, pm Fabrizio Pensa, avevano preso le mosse dalla denuncia-querela presentata in marzo dalla giovane alla Squadra Mobile di Reggio . Mobile di Reggio Emilia dalla persona offesa: dopo un prima visita nello studio di Reggio Emilia senza alcuna anomalia – così ha dichiarato la ragazza – lo specialista le aveva fissato il secondo appuntamento presso un centro specializzato di Parma, in zona stazione ferroviaria, affermando che in tale sede si sarebbe sentito più comodo a fare i trattamenti e le avrebbe potuto dedicare tutto il tempo necessario.

Durante le visite del 6 e del 9 marzo il posturologo l’aveva toccata nelle parti intime arrivando a compiere dei veri e propri atti sessuali. La ragazza, in principio rimasta incredula, dopo aver parlato con la madre e col fidanzato ha deciso sporgere denuncia.

Le indagini proseguivano, quindi, con la sottoposizione alla ragazza di un album fotografico contenente fotografie di individui aventi caratteristiche fisiche corrispondenti alla descrizione fornita dalla persona offesa, tra le quali la ragazza riconosceva lo specialista in questione.

La Squadra Mobile di Parma ha infine raccolto sommarie informazioni sia la madre sia il fidanzato della ragazza, i quali confermavano quanto raccontato dalla stessa riferendo le confidenze ricevute.

La madre, nell’occasione, consegnava gli slip indossati dalla figlia al momento della visita del 9 marzo, che la polizia sottoponeva a sequestro. Consegnava, inoltre, un file con la registrazione di una telefonata tra lei e il posturologo, intervenuta la sera stessa del 9 marzo, dalla quale emerge un totale imbarazzo da parte dell’uomo di fronte alle affermazioni della donna, la quale gli riferisce, sbigottita, quanto appena appreso dalla figlia.

Dalla comparazione tra il DNA relativo al materiale biologico nelle mutandine e quello dell’indagato, è emersa “la piena compatibilità tra gli stessi”.

Si raggiungeva, in tal modo, la soglia della gravità indiziaria in ordine alla attendibilità della ragazza. Pertanto, condividendo la ricostruzione dei fatti operata dall’Ufficio del P.M., il GIP ha disposto – come detto- la misura interdittiva a carico dell’indagato.

Be Sociable, Share!

2 risposte a Violenza sessuale su ragazza di 20 anni
Specialista sospeso dalla professione

  1. Bea Rispondi

    26/09/2019 alle 09:27

    Mi chiedo quanti pedofili la passino liscia e quanti ce ne siano.
    Con me ci aveva provato un dentista con figli e famiglia e rinomato, forse non a caso specialista nella cura di adolescenti…

    Il solito immondo schifo.

    Anni dopo mi ritrovai ad una festa e conobbi suo figlio.
    Ovviamente scelsi il silenzio, ma sapevo che ci aveva provato anche con mia cugina.

    Senza ritegno questi mostri.

  2. frienz Rispondi

    12/02/2022 alle 08:17

    infinita tristezza… se capitava a mia figlia lo suonavo come un tamburo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.