Torna in alto mare la crisi Ferrarini
Il gruppo Amadori si ritira dall’affare Vismara

18/9/2019 -Torna in alto mare la crisi del gruppo Ferrarini. Dopo il rinvio di tre mesi, al 22 febbraio, dell’assemblea dei creditori della casa madre di Rivaltella – leader nazionale nel settore dei prosciutti cotti – un’altra cattiva notizia per la famiglia Ferrarini:  Amadori getta la spugna e rinuncia

all’acquisizione del salumificio Vismara, concordato da aprile. Lo scrive il sito specializzato Alimentando.

Il salumificio Vismara di Casatenovo (Lecco)

Con una lettera al Tribunale di Reggio Emilia, il gruppo Amadori ha dichiarato ufficialmente la propria indisponibilità a continuare la trattativa per acquisire Vismara.

Il “big storico” di casa Ferrarini

Una decisione, scrive sempre Alimentando, arrivata dopo lo spostamento anche dell’assemblea dei creditori Vismara dal 22 ottobre al 22 gennaio.

Il colosso avicolo aveva chiesto maggiori certezze entro il 31 luglio su un’operazione ièpegnativa, e sulla quale aveva investito “tempo e risorse” nel salumificio che sta affrontando serie difficoltà, con la produzione ridotta al 50%. Garanzie che evidentemente non sono arrivate, a fronte di piani di concordati non facile da digerire per i creditori.

Il rinvio delle assemblee, del resto, è la spia delle difficoltà a coagulare una maggioranza intorno ai piani finanziari (Ferrarini Spa restituirebbe in 5 anni il 17% senza interessi agli istituti di credito e un misero 10% ai fornitori), per questo la famiglia e i commissari Bartoli e Cadoppi hanno bisogno di più tempo per costruire nuove soluzioni.

Sono sempre più insistenti le voci intorno al pressing di Banca Intesa, arrivata a pignorare i beni personali dei fratelli Ferrarini, favorevole ad accantonare uno “spezzatino” troppo oneroso per banche e fornitori per l’intervento invece di un unico player, capace di investire maggiori risorse nel gruppo reggiano in crisi. Si parla del colosso messicano Sigma Alimentos, già in Italia con salumi Fiorucci, ma anche di un possibile impegno a 360 gradi del gruppo valtellinese Pini (bresaole e grandi macelli) che interviene già nella spa di Rivaltella.

Condividi

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    18/09/2019 alle 21:12

    Quando ci entra la politica……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *