Salvini conferma: Lucia Borgonzoni candidata in Emilia-Romagna, “non c’è discussione”
E al Villaggio Coldiretti firma una forma di Parmigiano Reggiano made in Bibbiano

29/9/2019 – Lo ha confermato Matteo Salvini, in visita al Villaggio Coldiretti di Bologna, la tre giorni nazionale per la difesa del Made in Italy agroalimentare che si conclude questa sera: sarà la senatrice Lucia Borgonzoni, designer e artista, già sottosegretaria al Mibact nel precedente governo, la candidata del centrodestra alle prossime elezioni regionali.

“La scelta è fatta, non c’è discussione”, ha spiegato il leader della Lega al Villaggio Coldiretti.

Lucia Borgonzoni con Matteo Salvini (foto d’archivio)

E sull’ipotesi di un’alleanza tra Pd e M5s in Emilia-Romagna, ha commentato: “Me lo auguro, così gli italiani, come gli umbri e gli emiliano-romagnoli, sapranno chi premiare: questi sono d’accordo su nulla, tranne che sulla difesa della propria poltrona. Si accordino come vogliono, per noi non è un problema”.

La forma di Parmigiano Reggiano appena “calata” con la firma di Matteo Salvini

Per Salvini le elezioni di fine gennaio (il governatore Bonaccini ha deciso per la forbice temporale estrema, con election day appunto il 26 gennaio) potranno rappresentare una svolta storica: “Per la prima volta in 50 anni ce la giochiamo, finalmente la sinistra dimostra di avere paura”, ha sottolineato il numero uno del Carroccio, indicando in “merito e trasparenza” i punti chiave della prossima campagna elettorale. “Non ho citato le politiche familiari e il caso Bibbiano -ha concluso – che meritano un’attenzione tutta particolare”.

Salvini firma la forma di Parmigiano Reggiano cotta dallo staff di Bibbiano La Culla. Accanto lui il presidente del Consorzio Nicola Bertinelli

Salvini, nel corso della sua visita al Villaggio Coldiretti, accolto in modo trionfale – come e forse più del presidente del consiglio Conte arrivato sabato – ha firmato una forma di Parmigiano Reggiano appena cotta spazio del consorzio con la “caldera” tradizionale e il fuoco a legna: calata e cottura realizzati proprio dai casari e dallo staff di “Bibbiano La Culla”.

La cottura della forma di Parmigiano Reggiano al Villaggio Coldiretti di Bologna, a cura del consorzio Bibbiano La Culla

Il paese della Val d’Enza, diventato di colpo tristemente famoso per lo scandalo Angeli e Demoni, è notoriamente considerato dalla tradizione il luogo di nascita di un formaggio millenario come il grana Parmigiano Reggiano. E comunque nella zona si produce il top del RE dei Formaggi, da latte di mucche alimentate col fieno e le erbe spontanee dei prati stabili della media Val d’Enza.

Salvini e Bertinelli con i casari e gli operatori della cottura della forma di Parmigiano Reggianon al villaggio Coldiretti di Bologna
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *