Strage di Vinca, i presidenti di Italia e Germania
a Fivizzano: “Chiediamo perdono”

25/8/2019 – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente della Repubblica Federale Tedesca, Frank-Walter Steinmeier, hanno commemorato insieme a Fivizzano le 174 vittime dei nazisti dell’eccidio di Vinca, avvenuto il 24 e 25 agosto 1944.

“Oggi – ha detto Steinmeier – sono qui come presidente federale tedesco davanti a voi cittadini e cittadine di Fivizzano e provo solo vergogna. Vergogna per quello che dei tedeschi che vi hanno fatto. Vi chiedo perdono per i crimini perpetrati per mano tedesca”. Un forte applauso collettivo ha seguito queste parole.

I presidenti Mattarella e Steinmeier a Fivizzano

Il presidente Mattarella ha aperto il suo discorso commemorativo con queste parole: “Siamo qui per rendere omaggio a vittime, a comunità, a luoghi, verso i quali, durante la Seconda guerra mondiale, la disumanità nazifascista manifestò tutta la propria ferocia. Presidente Steinmeier, l’Italia Le è grata per avere voluto intervenire qui, oggi, alla commemorazione del 75° anniversario delle stragi perpetrate nel Comune di Fivizzano. La sua sensibilità nei confronti del valore della memoria è nota”.

I due presidenti rendono omaggio ai caduti delle stragi naziste di Vinca e della Lunigiana

“La guerra totale di annientamento – ha proseguito Mattarella – che il regime nazista riservava ai popoli sottomessi, non risparmiò la Lunigiana. La disumanità, il terrorismo senza scrupoli praticato dalle SS e dai brigatisti neri repubblichini, ha crudelmente segnato la vita di questa parte d’Italia, della sua gente”.

“Il significato della cerimonia di oggi, come di quelle alle quali parteciparono i nostri predecessori a Marzabotto e a Sant’Anna di Stazzema, rappresenta ricordo, appello al pentimento e alla riconciliazione. Furono, insieme, italiani e tedeschi a scatenare la follia omicida contro una popolazione inerme, fatta di anziani, bambini e donne, alcune anche incinte. Di fronte a quei crimini siamo oggi qui, fianco a fianco, tedeschi e italiani, a chinare il capo verso le vittime, a invocare perdono”.

Mattarella e Steinmeier a Fivizzano

    L’eccidio nel territorio di Fivizzano fece parte della scia di morte tra i civili che insanguinò l’Appennino Tosco-Emiliano durante l’attestamento della Linea Gotica: ne furono responsabili le Ss comandate dal maggiore Walter Reder. I morti di Vinca erano quasi tutti abitanti del paesino, ma c’era anche una trentina di sfollati che avevano cercato riparo in montagna durante il passaggio del fronte. 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *