Mini-terremoto in Forza Italia
Galeazzo Bignami passa a Fratelli d’Italia, il senatore Paroli (Cl) commissario regionale

28/8/2019 – Mini terremoto in Forza Italia a livello regionale. Il deputato Galeazzo Bignami, coordinatore azzurro in Emilia-Romagna, ha deciso di lasciare il partito, e ha inviato una lettera in questo senso ai vertici nazionali azzurri.

Di conseguenza berlusconi ha nominato nuovo coordinatore regionale il senatore bresciano Adriano Paroli, esponente di primo piano di Comunione e Liberazione.

Da tempo si parla di un passaggio di Bignami a Fratelli d’Italia, e con lui uscirebbero dal partito azzurro ancbhe dei consiglieri comunali di Bologna.

Galeazzo Bignami

«Presidente – così ha scritto il deputato a Berlusconi – sono a rassegnare nelle sue mani il ruolo di Commissario Regionale di Forza Italia conferitomi in data 27 settembre 2018 ritenendo esauriti, all’esito delle elezioni amministrative della primavera scorsa e dell’indizione della prossima fase congressuale, gli obiettivi da lei impartiti”.

Bignami ha aggiunto: “L’imminente svolgimento delle elezioni regionali in Emilia Romagna mi impone di rimettere il mandato commissariale, potendo lei individuare tra i tanti, bravissimi esponenti della nostra Regione chi, meglio di me, potrà interpretare la linea politica del Movimento nella quale purtroppo non riesco più, per formazione e cultura, a ritrovarmi appieno”.

Sprizza soddisfazione un comunicato di benvenuto al senatore Paroli, diffuso dall’ l’ex coordinatore regionale Massimo Palmizio, defenestrato lo scorso anno proprio a favore di Bignami., dichiarandosi

Adriano Paroli

“a disposizione per aiutare e tentare di ricostruire ancora una volta Forza Italia in Emilia Romagna”.

“Il commissariamento esterno è sempre un fallimento per la classe dirigente di una regione – fa sapere Palmizio in un comunicato – ma mi rendo conto non ci fosse altra possibilità, le dimissioni dell’ex commissario sono arrivate , come avevo da tempo previsto , ma sono tardive, molti amministratori ci hanno già abbandonato e anche se il centrodestra nell’ultima tornata elettorale ha vinto alcune città importanti la rappresentanza di Forza Italia è pressoché nulla”. 

Resta il fatto è che, almeno sino a poco tempo fa, Palmizio non risultava neppure più iscritto a Forza Italia. E comunque, quando è stato sollevato dall’incarico, aveva lasciato una Forza Italia distrutta in Emilia-Romagna.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.