La terribile morte di Hui Zhou
Monta la rabbia nella comunità cinese di Reggio
In Comune l’inviato del Consolato generale di Milano

9/8/2019 – Si è tenuto oggi in Comune a Reggio Emilia l’incontro fra il vicesindaco Alex Pratissoli, l’assessore alla legalità Nicola Tria e il Capo Ufficio Consolare del Consolato Generale della Repubblica Popolare di Cina a Milano, Lei Cai. L’incontro è stato chiesto dal consolato èper assumere informazioni a seguito dell’assassinio della giovane cinese Hui Zhou, di 24 anni, uccisa acoltellato da un marocchinop clandestino nel bar di famiglia dove la ragazza lavorava, a Reggio Emilia.

Hui Zhou, la ragazza cinese assassinata

Un delitto che ha scosso profondamente la comunità cinese di Reggio, che oggi è tornata a chiedere a gran voce non solo che l’assassino sia presto assicurto alla giustizia, a anche (e non è la prima volta) condizioni di sicurezza per le attività economiche e i cittadini.

E le preoccupazioni della comunità cinese di Reggio, dove di ora in ora monta la rabbia e l’esasperazione per questo terribile episodio, insieme a un senso generale di insicurezza, sono stati al centro dell’incontro in Comune.

Il vicesindaco Pratissoli – riferisce una nota del Comune – “ha sottolineato al diplomatico Lei Cai che la comunità cinese a Reggio Emilia negli ultimi anni è cresciuta in termini di dialogo e collaborazione con le istituzioni, con l’obiettivo di far conoscere e apprezzare la cultura cinese. I commercianti cinesi hanno ad esempio di recente attivato una donazione per il Mire – il futuro ospedale della mamma e del bambino – la prima donazione che una comunità straniera fa ad un progetto cittadino”.

“Ci teniamo – ha dichiarato il vicesindaco, interloquendo con Lei Cai – a essere vicini alla famiglia e alla comunità in un momento così tragico ed è intenzione del Comune seguire da vicino le indagini e la vicenda. Riconosciamo che il Consolato e l’Ambasciata sono i primi punti di riferimento per i cinesi reggiani e pertanto interlocutori centrali anche per il Comune, nel dialogo con la comunità”.

Alla luce dello sviluppo delle indagini “il Comune di Reggio vorrebbe agire congiuntamente per fare sì che questo episodio non generi insicurezza o timori nella comunità, in particolare in chi è impegnato nei pubblici esercizi commerciali.

Le istituzioni locali si dichiarano pronte ad agire con le istituzioni diplomatiche cinesi a ‘sostegno’ della famiglia e della comunità per fare sì che si mantenga un’apertura e un dialogo che non devono essere pregiudicati da questa terribile vicenda”.

Be Sociable, Share!

4 risposte a La terribile morte di Hui Zhou
Monta la rabbia nella comunità cinese di Reggio
In Comune l’inviato del Consolato generale di Milano

  1. Emore Rispondi

    10/08/2019 alle 10:09

    Questo ‘brav’uomo’ schifoso…
    sbarcato probabilmente con qualche Ong (vedere in rete quanti&quali interessi stanno dietro le Ong in tutta europa e non solo)
    – clandestino
    – con 2 decreti di ESPULSIONE in ventanni di ‘soggiorno’ in Italia
    🙁 MA ANCORA QUA…
    ha commesso un omicidio efferatissimo (chissà cosa aveva fatto prima.. che nemmeno le Forze dell’Ordine sanno)
    libero di scorrazzare in giro, come tantissimi altri come lui.
    E’ UNA VERGOGNA NAZIONALE INACCETTABILE.
    SENZA SPIEGAZIONI DA PARTE DI UNO STATO CAPACE SOLO DI REPLICARE CON DISCORSI MORALISTICI-OPPORTUNISTICI CHE NON RISOLVONO NULLA.

    Ha ucciso una ragazza bravissima e perfettamente integrata, probabilmente cittadina italiana.
    Rinnovo le mie più sentite confoglianze alla madre, alla famiglia e a tutta la comunità cinese di R.E.

  2. Fausto Poli Rispondi

    10/08/2019 alle 14:10

    Quei consolati li conosco. Ma se in Italia ci fossero pene certe, pesanti, allora un possibile criminale ci penserebbe 2 volte ad ammazzare. Non e’ ne’ la dx o la sx. E’
    che l’ Italia non ha nessun modello da seguire. Ah, andiamo in Italia a far casino. A volte tanti stranieri la pensano cosi’. I commenti si sprecano.

  3. Fausto Poli Rispondi

    10/08/2019 alle 14:11

    Nessun controllo. Paese allo sbando.

  4. Ismael Rispondi

    03/02/2020 alle 17:15

    Mi vergogno di essere marocchino. Questo bastardo va eliminato. Basta! È l’ora di applicare la legge Naturale ovvero la lotta per la sopravvivenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.