La Municipale, col fiuto di Victor, scova sei etti di hascisc

21/8/2019 – L’attività di presidio del territorio e il fiuto di Victor, pastore tedesco antidroga in forza alla Polizia locale di Reggio Emilia , continuano a dare frutti nell’ambito dell’operazione ‘Parchi sicuri’ che la Municipale sta conducendo in città. Ieri, martedì 20 agosto, l’unità cinofila e gli agenti impegnati nell’area sud-ovest della città hanno individuato in via Ferraroni sette involucri contenenti oltre sei etti di stupefacente.

L’hascisc sequestrato dalla Municipale in via Ferraroni

L’attività di controllo del territorio era iniziata fin dalla prima mattina con le verifiche all’interno dei parchi Baden Powell, all’Orologio, al parco del Noce nero e quello di Querce rosse. Gli operatori della Polizia locale, accompagnati dal cane Victor e dal suo conduttore ispettore Corrado Bernardi, si sono poi spostati all’interno di alcune aree verdi nella zona di Pieve Modolena. Qui, poco dopo le 11, in via Ferraroni il fiuto di Victor ha scovato all’interno di alcune sterpaglie un involucro avvolto in un foulard blu. All’interno vi erano sei “panetti” di hascisc. La zona è stata quindi perlustrata palmo a palmo per consentire il proseguo delle indagini e risalire all’autore del reato.

Le operazioni di ‘Parchi sicuri’ portano il Nucleo antidegrado della Polizia locale in tutte le aree verdi della città per contrastare il degrado urbano legato all’abuso di sostanze stupefacenti. Da inizio anno i controlli all’interno dei parchi cittadini e nelle vicinanze degli istituti scolastici hanno permesso di effettuare 52 sequestri di sostanze stupefacenti, due arresti e ventisei segnalazioni di consumatori alla locale Prefettura. Lo scorso febbraio, nell’ambito di verifiche condotte all’interno di casolari abbandonati e aree incolte, il fiuto di Victor aveva permesso di sgominare un altro importante nascondiglio di oltre 4 chilogrammi di hascisc occultati nella zona nord-est della città.

Condividi

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    21/08/2019 alle 22:23

    Complimenti a chi fa il proprio dovere. Io avrei militarizzato l’ Italia. Spiegatemi: esci da casa, ti cominciano ad offrire droghe in ogni dove. E allora occorre fare che ? Chi ci tutela ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *