Landi Renzo: estinzione anticipata prestito obbligazionario e investimenti nella mobilità a idrogeno
finanziamento di 65 milioni da tre banche

1/7/2019 – Landi Renzo S.p.A. dà un taglio ai costi finanziari, rimborsa anticipatamente un prestito obbligazionario molto oneroso (6,10%) e lancia un piano di investimenti da dieci milioni, che comprende anchemotori alimentati a idrogeno.

L’azienda di Corte Tegge – leader mondiale nei sistemi di alimentazione gas automotive – ha siglato con un pool di tre banche di primo paino un contratto di finanziamento a medio termine di durata quinquennale per un importo complessivo di 65 milioni di euro. Gli istituti coinvolti sono Banco BPM, che ha coordinato il finanziamento, Banca IMI (Gruppo Intesa Sanpaolo) e Unicredit. Banco BPM, Intesa Sanpaolo e Unicredit sono le banche finanziatrici dell’operazione.

Cristiano Musi

Tali risorse finanziarie saranno utilizzate per riqualificare e raffreddare l’esposizione finanziaria di Landi Renzo per 55 milioni nonché, per la restante quota, per finanziare il piano di investimenti e crescita del Gruppo di Corte Tegge.

Cristiano Musi, Amministratore Delegato di Landi Renzo S.p.A. ha dichiarato: “Estinguere anticipatamente, dopo solo due anni, il rifinanziamento che la Società aveva sottoscritto nel momento di difficoltà e sostituirlo con questo accordo è un motivo di grande orgoglio e rappresenta un segnale di fiducia molto importante che ci arriva da primari istituti bancari, dopo il miglioramento del rating e gli accordi di sviluppo siglati con importanti OEM a livello globale. Il nuovo piano di finanziamento ci consentirà di ridurre gli oneri finanziari, di avere ancoradeterminazione sul piano di crescita che stiamo portando avanti a livello internazionale nel settore automotive (nei segmenti passenger car ed heavy duty), con investimenti in ambiti strategici come la mobilità ad idrogeno”.

“Al fine di migliorare il profilo finanziario, il Consiglio di Amministrazione di Landi Renzo aveva approvato il 14 maggio scorso la negoziazione di un nuovo contratto di finanziamento – si legge in una nota del gruppo – volto principalmente ad estinguere l’indebitamento finanziario esistente derivante dall’Accordo di Ottimizzazione sottoscritto nel marzo 2017 e dal Prestito Obbligazionario “LANDI RENZO 6,10% 2015-2022”, oltre che a reperire nuove risorse finanziarie per sostenere nuovi investimenti e per lo sviluppo del business per circa 10 milioni. Il Consiglio di Amministrazione aveva inoltre deliberato di procedere al rimborso integrale anticipato del suddetto prestito obbligazionario ai sensi dell’art. 9 del relativo Regolamento.

Il piano di rimborso del debito prevede rate semestrali per €40 milioni, mentre per gli ulteriori 15 milioni il rimborso verrà fatto alla scadenza del contratto di finanziamento”.

Nell’operazione Landi Renzo è stata assistita dallo studio legale Clifford Chance, mentre le banche sono state assistite dallo studio legale NCTM.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *