Inchiesta Angeli e Demoni, il procuratore Mescolini: “Nessun atto acquisito dall’ispettore del ministero”

5/7/2019 – “Nessun atto di indagine è stato acquisito dall’ispettore in Procura”. Lo ha chiarito all’ANSA il procuratore capo di Reggio Emilia Marco Mescolini riferendosi a notizie riportate da un quotidiano locale sull’inchiesta ‘Angeli e Demoni’ che degli affidi illeciti in Val d’Enza, con 29 indagati e 16 misure cautelari (sei arresti) eseguite dai carabinieri. Il 3 luglio, su impulso del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, un ispettore è stato inviato alla Procura reggiana e al tribunale per i minorenni di Bologna.

Il pm di Reggio Emilia Marco Mescolini

Il procuratore Mescolini ha sottolineato che “è stato a Reggio Emilia il solo ispettore capo dottor Andrea Nocera e nessun altro” aggiungendo che “il dialogo col medesimo è stato assolutamente cordiale e sereno”. All’ispettore, ribadisce il procuratore, “non sono stati consegnati atti di indagine, tantomeno duplicazione di file audio o video. Il tutto è durato lo spazio di poco più di un’ora (dalle 14 alle 15.10 circa) anche per attendere la collega dottoressa Salvi (pm titolare del fascicolo sugli affidi) impegnata negli interrogatori di garanzia”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Bah.. Rispondi

    06/07/2019 alle 09:19

    Ci pensa l’Inchiesta Parlamentare.
    Direi IL MINIMO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.