Di Maio: “Il silenzio Pd su Bibbiano mi fa schifo”
E Manghi contesta le cifre di Salvini sugli affidi in Emilia
(Ma anche lui parlò in ottobre al convegno degli indagati)

24/7/2019 – Dopo Salvini, anche il vicepremier Luigi Di Maio, leader dei 5 Stelle sarà a Bibbiano. Lo ha annunciato parlando a Napoli. “Presto io e il ministro Bonafede saremo a Bibbiano, perchè il ministro illustrerà la squadra speciale che si occupa di tutela dei minori”.

Il vicepremier ha anche sferrato un attacco frontale del Pd che sull’inchiesta Angeli e Demoni, ormai diventata nell’opinione pubblica e nella politica “il caso Bibbiano” ormai parla solo sulla difensiva e per denunciare come al solito “la macchina del fango”: “E’ veramente vergognoso il silenzio del Pd – ha detto a Napoli – Renzi dice che gli faccio schifo, a me fa schifo il loro silenzio sul caso Bibbiano” .

Di Mario e Alfonso Bonafede

Ma il ritorno di Di Maio in val d’Enza ha anche il senso di fugare ogni dubbio sulla posizione del movimento, che in tempi non sospetti ha donato 1293 mila euro in Piemonte all’associazione Hansel e Gretel (fondata e guidata dallo psicoterapeuta Claudio Foti, un dei principali indagati nell’inchiesta Angeli e Demoni insieme alla moglie Nadia Bolognini) derivanti dalle restituzioni dei consiglieri regionali. Inoltre a Reggio M5S ha dovuto fronteggiare la crisi provocata dalle dimissioni dal consiglio comunale, prima ancora di essere insediata, dell’avvocato Rossella Ognibene, candidata sindaca, che ha scelto di difendere Federica Anghinolfi.

il ministro Salvini a Bibbiano

Intanto si registra una messa a punto del sottosegretario della giunta regionale Giammaria Manghi – già presidente della provincia di Reggio ed ex sindaco di Poviglio – sul discorso tenuto dal ministro Salvini, ieri pomeriggio, davanti al Municipio di Bibbiano. Manghi contesta la cifra di diecimila bambini in affido nella sola Emilia-Romagna: “Qualsiasi tipo di controllo e verifica venga fatto per la tutela dei minori ci trova assolutamente d’accordo. Bene quindi le parole del ministro dell’Interno, Salvini, ma crediamo sarebbe bene potesse agire per questo avendo un quadro della situazione che riporti dati corretti. In Emilia-Romagna, al 31 dicembre 2017 i minori in affidamento a famiglie erano 1.529 – considerati tutti i tipi di affidamento: a tempo pieno, part time, consensuali, giudiziari – e quelli inseriti in comunità 1.441. In totale, quindi, 2.970. Vi sono poi i minori ospitati in strutture insieme alle madri, ma certo si è lontani dai 10mila bambini ‘portati via ai genitori’ nella nostra regione di cui ha parlato il vicepremier nella sua visita a Bibbiano”.

Per la verità, Salvini a Bibbiano ha parlato di “diecimila bambini negli ultimi anni“, non di quelli in affido o presenti in comunità a una certa data. E tenendo conto che a fine 2017 in tutto, secondo le cifre ufficiali, erano 3 mila, considerato il turn over le cifre di Salvini non sembrano lontane dal vero.

Manchi ha partecipato con la senatrice Vanna Iori e il sindaco Andrea Carletti alla tavola rotonda conclusiva del convegno “Rinascere dal trauma” di Bibbiano

Infatti Manghi sottolinea che “si tratta comunque di un numero elevato, di fronte al quale, ripeto, è giusto fare ogni tipo di verifica, per la quale la Regione è pronta a fare tutto quello che rientra nelle sue competenze”, partendo proprio da un contributo di chiarezza sui dati che rispecchino il vero, e non altri”.

E’ appena il caso di ricordare che Giammaria Manghi, in veste di sottosegretario, ha partecipato alla tavola rotonda conclusiva del megaconvegno al Metropolis di Bibbiano su “Rinascere dal trauma – il progetto la Cura” del 10-11 ottobre 2018 (quando già erano partite le indagini di Angeli e Demoni, e nell’ambiente si sapeva dell’inchiesta) nel quale non pochi amministratori e politici del Pd si sono trovati fianco a fianco, in veswte di relatori e ospiti di riguardo, di numerosi indagati, fra cui i principali dell’inchiesta Angeli e Demoni, a cominciare da Foti, Bolognini, Anghinolfi e Bassmaj (direttore artistica del convegno). E’evidente che, se un contributo di chiarezza deve esserci, non può che partire dal rapporto simbiotico tra amministratori, tecnici e consulenti in val d’Enza, e dall’accertare perchè in vertici politici – Manghi in testa – sono rimasti all’oscuro dell’inchiesta già in pieno svolgimento nei giorni delo convegno, mentre a quanto pare molti, in platea o sul palco del Metropolis, sapevano.

Be Sociable, Share!

3 risposte a Di Maio: “Il silenzio Pd su Bibbiano mi fa schifo”
E Manghi contesta le cifre di Salvini sugli affidi in Emilia
(Ma anche lui parlò in ottobre al convegno degli indagati)

  1. Giuseppe Rispondi

    24/07/2019 alle 15:22

    Stamattina su Rai1 c’era l’Onorevole Paola De Micheli del PD

    che si lamentava della ‘gogna mediatica’ contro il Bubbone Bibbiano secondo lei attuata solo a fini politici…
    poi ha esordito dicendo che, parlando con un collega dell’opposizione (senza fare nome) genitore affidatario – le avrebbe confidato :
    ‘Non sai cosa passano questi poveri bambini prima dell’affido.’.

    Ma lei forse si riferiva agli AFFIDI LEGITTIMI. O NO????????
    Cosa cappero centrano coi bambini illegitimmamente tolti ai genitori a scopo di lucro ???

    Silenzio? Ecco. Forse e’ meglio.

  2. Aura Rispondi

    24/07/2019 alle 16:55

    I Senatori PD
    si sono recentemente astenuti dal votare a favore del ‘Codice rosso’
    (poi passato anche al Senato quindi è legge)
    volto ad inasprire le pene per reati di violenza DOMESTICA e di genere.
    Inoltre per velocizzare l’iter di raccolta delle denunce, con relativi processi. Ci sono anche il revenge porn, stalking e tanto altro.

    SI SONO ASTENUTI.

    Qualcuno lo scriva, lo riscriva e lo dica in giro.
    Questi nemmeno c’è bisogno di parlarne male; fanno tuto da soli.

    • Germano Rispondi

      25/07/2019 alle 08:14

      GLI ASTENUTI SENATORI PD SONO 52…
      basta andare sul sito per vedere l’elenco.

      A L L U C I N A N T E

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.