Contributi rilancio centri colpiti dal sisma: Reggiolo al primo posto ottiene 3,2 milioni per 59 domande

6/7/2019 – Con oltre tre milioni di euro di contributi concessi dalla Regione Emilia-Romagna a seguito del bando per il rilancio dei centri colpiti dal sisma del 2012, il territorio reggiolese conquista il primato tra i comuni del cratere. La prima finestra di accoglimento delle istanze per la riqualificazione e ammodernamento di attività d’impresa, professionali e no profit, esaurita in meno di 24 ore, ha portato a Reggiolo il riconoscimento di 59 domande pari a 3,2 milioni di euro.

I decreti di concessione dei contributi regionali stanno arrivando e, al momento, sono state accolte 44 domande per contributi pari a 2 milioni e 704mila euro. Un risultato davvero importante e dovuto principalmente al fatto che, nel comune di Reggiolo, la ricostruzione è molto più avanti rispetto ad altri comuni colpiti dal terremoto. Per questa ragione il territorio è pronto ad accogliere investimenti. A Reggiolo, su volontà dell’Amministrazione, erano poi già stati messi in campo bandi di questo tipo e l’esperienza ha creato maggiore fiducia nella struttura amministrativa.

Il risultato rappresenta una grande soddisfazione per l’Amministrazione che, nel corso degli ultimi anni, ha favorito e incentivato gli investimenti delle nuove e delle attività esistenti. Non a caso questa l’esperienza reggiolese è stata presa come esempio nella formulazione del bando regionale che ha visto coinvolti esercenti e i consulenti locali.

Mentre sono in arrivo ulteriori contributi per le restanti domande accolte, si guarda avanti perché presto saranno disponibili nuove risorse e due nuove finestre per la richiesta di finanziamenti. La prima è prevista per settembre, mentre l’altra nel 2020. Si tratta di contributi a fondo perduto pari all’80% dell’investimento e con un tetto massimo di 150mila euro.

Tutte le informazioni sul bando sono disponibili sul sito del Comune di Reggiolo nella sezione “Sportello Unico Attività Produttive”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *