Matteo Iori presidente di Sala del Tricolore
Il centro destra si sfascia subito sul vicario: eletto Bassi contro Salati
L’on. Vinci urla: “E’ una pantanata”, e sbatte la porta

8/7/2019 – Matteo Iori, eletto nel PD, già direttore della comunità  Centro Sociale Papa Giovanni di villa Sesso, e nominato da Vecchi presidente della fondazione E 35, è il nuovo presidente del consiglio comunale di Reggio Emilia. E’ stato eletto oggi nella seduta di insediamento della nuova assemblea elettiva cittadina, con 25 voti favorevoli , e il resto schede bianche e nulle. La Lega Nord è uscita dall’aula. Prima dell’elezione sono stati surrogati i consiglieri nominati assessori. Sono entrati Castagnetti e Genta per il PD, Palmina Perri al posto di De Franco, Giorgio Benassi al posto di Carlotta Bonvicini di Immagina  Reggio. Surrogata anche Mariafrancesca Sidoli di +Europa (è subentrato Paolo Burani) e la candidata sindaca dei 5 Stelle Rossella Ognibene,  dimissionaria per poter difendere Anghinolfi nell’inchiesta Angeli e Demoni. Al suo posto è subentrato Cristian Panarari, che ha subito dichiarato di aderire al Gruppo misto in attesa delle decisione dei 5 Stelle:”Sono in attesa di giudizio”, ha detto.

Una votazione nel nuovo consiglio comunale: alla presidenza Matteo Iori

Dopo un’interruzione per black out dei microfoni, si è passati all’elezione dei vicepresidenti del consiglio comunale. E qui si è sfasciata l’opposizione che non ha trovato un accordo sul vicepresidente vicario: l’on. Vinci ha rivendicato la carica in quanto gruppo più numeroso delle minoranze, e ha proposto il nome di Roberto Salati, ma Rubertelli pochi minuti prima aveva proposto la riconferma di Claudio Bassi di Forza Italia. A quel punto il neo capogruppo del PD Gianluca Cantergiani ha lasciato libertà di voto ai suoi.

Nel segreto dell’urna è stato rieletto vicario l’avvocato Bassi, con 16 voti. 10 voti li ha presi Claudia Aguzzoli del Pd, seconda vicepresidente, mentre Salati ha preso solo i sei voti del gruppo Lega. Uno schiaffo bruciante per Gianluca Vinci, che ha definito “una pantanata” l’accordo Forza Italia- PD su Bassi e ha lasciato l’aula per protesta con Salati e gli altri consiglieri Lega, sbattendo (letteralmente) la porta. Per dirla con Emilio Fede, “che figura di m…!”.

Ammessa con voti unanimi la mozione urgente dei 5 Stelle sui nuovi parcheggi a pagamento della stazione Mediopadana, con tariffe progressive, che non prevedono deroghe per i disabili. Sarà discussa domani, al termine del dibattito sulle linee programmatiche del sindaco Vecchi.

I cartelli sugli indagati del Comune esposti durante la seduta di insediamento del Consiglio comunale .

A un certo punto dalle balconate sono comparsi dei piccoli cartelli con scritto “SINDACO, DICA 33”, esposti da supporter dei 5 Stelle, chiaro riferimento ai 15+18 indagati delle inchieste sugli incarichi esterni e sugli appalti del Comune. Il neo presidente Iori li ha fatti ritirare. Ma delle inchieste e degli appalti si parlerà domani, in un dibattito sulle linee programmatiche di mandato, che si preannuncia piuttosto caldo.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.