I bambini non si toccano: centinaia al sit-in di Bibbiano con Giorgia Meloni

Giorgia Meloni parla alla manifestazione di Bibbiano (foto Giuseppe Bucaria)

5/7/2019 – “I bambini non si toccano”. Centinaia di persone con bandiere, stricioni e cartelli partecipano da mezzogiorno al presidio davanti al comune di Bibbiano, epicentro dell’inchiesta Angeli e Demoni , organizzato da Fratelli d’Italia con l’intervento della leader Giorgia Meloni.

E’ la prima manifestazione di piazza da quando, mercoledì scorso, è esplosa l’inchiesta sugli affidi illegali in Val d’Enza con ventinove indagati (sei agli arresti domiciliari, e numerose persone sospese dall’attività professionale, loltre al divideto a una coppia di donne omosessuali di avvicinarsi e di comunicare con la bambina avuta in affido dai servizi sociali.)

La manifestazione davanti al comune di Bibbiano (foto Bucaria)

Giorgia Meloni ha tenuto un comizio davanti alle telecamere della 7 e di altre emittenti e ha parlato con diversi genitori ai quali sono strappati i figli, e che hanno voluto essere presenti al sit-in. Si è detta “sconvolta” per quanto è emerso dall’inchiesta preliminare sull’affido dei minori, ha parlato di responsabilità politiche, con preciso riferimento al Pd – il filo che lega amministratori, funzionari e dipendenti dei servizi – e ha sottolineato che si possono prefigurare anche reati ben più gravi di quelli contestati dalla Procura: Meloni ha parlato anche di sequestro di persona e di tortura. Infine è tornata a chiedere un’inchiesta parlamebntare sugli affidi, collegata alla “commissione Forteto”.

Ieri, intanto, le commissioni del Senato hanno approvato all’unanimità l’istituzione della commissione d’inchiessta sulle case-famiglia.

Il sit in di Bibbiano, in attesa di Giorgia Meloni

Nell’inchiesta, il sindaco di Bibbiano è tra gli indagati agli arresti domiciliari (di cui è stata chiesta la revoca) per le ipotesi di abuso d’ufficio e falso idelogico: secondo la procura e il Gip, avrebbe dato copertura politica continuativa al sistema che ruotava intorno ai servizio sociali della Val d’enza e ai consulenti del centro Hansel e Gretel di Moncalieri (diretto da Claudio Foti).

Indagati, senza provvedimenti cautelari, anche due ex sindaci della Val d’Enza, rimasti in carica sino al 26 maggio: l’avvocato Paolo Colli di Montecchio e Paolo Burani di Cavriago.

In mattinata, a Montecchio, si è intanto riunita a porte chiuse la giunta dell’Unione comuni Vald’enza per assumere provvedimenti d’urgenza: dall’assegnazione della delega ai servizi sociali a seguito dell’arresto del sindaco Carletti, sino alla riorganizzazione del servizio investito dalla buvera Angeli e Demoni.

Il sit-in di Fratelli d’Italia davanti al Municipio di Bibbiano
Giorgia Meloni a Bibbiano
Condividi

5 risposte a I bambini non si toccano: centinaia al sit-in di Bibbiano con Giorgia Meloni

  1. Umberto Rispondi

    05/07/2019 alle 20:06

    Se non erro, si dice anche che guardie ENPA siano entrate in una casa col pretesto di controllare un cane …..Ho chiesto lumi alla prof. Stella Borghi, che stimo molto…..

  2. Fausto Poli Rispondi

    05/07/2019 alle 21:21

    Ho presenziato pure io. Un caldo e un’ afa incredibile.

    Mi sembra una donna molto determinata, e col megafono né ha dette di tutti i colori contro questo diabolico e perverso sistema. La cosa che mi ha disgustato e’ quello che e’ successo alle giovani madri che erano pure a Chi lo ha visto nei vari servizi. Però’ e’ un’ esperienza di vita perche’ aiuti e ascolti persone che hanno stupito un grave torto. E lo fai gratuitamente. A parte la sofferenza del caldo sono rientrato a casa piu’ arricchito spiritualmente. Io non so se pitro’ mai diventare un politico, perche’ per farlo bene occorre essere sempre perennemente in viaggio. Infatti la Signora Meloni nel pomeriggio era a Riva del Garda, ma accompagnata da un caldo bestiale. Penso che nessuno e’ perfetto ma la Meloni nei Suoi interventi tratta tutti i temi. E fanno cosi’ tanti altri politici. Mi auguro che questi interventi aiutino la magistratura indipendente a decidere e dare condanne esemplari.

  3. Fausto Poli Rispondi

    05/07/2019 alle 21:24

    Ho partecipato e sono contento che qualcuno sia venuto per appoggiare le famiglie vessate.

  4. Fausto Poli Rispondi

    05/07/2019 alle 21:25

    Correzione: le famiglie vessate

  5. fausto Poli Rispondi

    06/07/2019 alle 14:16

    Veramente tutto vergognoso. Ecco che cacchio fanno tutte ste coop sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *