“Angeli e Demoni fallimento politico di Carletti e del Pd
Una classe dirigente deve dimettersi”
Fantinati (Fi): “Quando Manghi, Iori, Colli e Mori erano alla corte di Hansel e Gretel”

DI CRISTINA FANTINATI*

Cristina Fantinati

2/7/2019 – “In riferimento all’inchiesta Angeli e Demoni, premesso che sono garantista da sempre, premesso che sarà ovviamente la Magistratura a valutare l’impianto accusatorio, non posso però tacere in merito alle gravissime responsabilità politiche dalle quali il Sindaco Carletti e altri suoi colleghi di partito non possono sfuggire. Così come prendo le distanze dal linciaggio mediatico che Carletti ha subito sui social, non posso però accettare la beatificazione dello stesso messa in atto dal PD reggiano, segretario provinciale Costa in primis. Tutti abbiamo letto gli stralci dell’ordinanza del giudice, in particolare le parti in cui si dice che : “Dunque, il sindaco
Carletti non solo era perfettamente a conoscenza del coinvolgimento di Hansel e gretel e dei suoi psicologi, ma attivamente, in comunicati pubblici e in audizioni alla Camera dei Deputati forniva copertura politica, omettendo di indicare il costo di tale collaborazione e le modalità illegittime della corresponsione dei compensi, anzi falsamente e subdolamente facendo intendere che si trattasse di una mera collaborazione scientifica a titolo gratuito”.

Andrea Carletti

E ancora: “Carletti si adoperava per consentire la prosecuzione dell’attività ottenendo anche un notevole ritorno di immagine oltre che di incremento dei fondi a disposizione del proprio settore di competenza. D’altro canto, la sua positiva attività di collaborazione si è estrinsecata come essenziale al fine non tanto di consentire l’originario affidamento illegittimo delle attività, quanto piuttosto la sua prosecuzione nel tempo; va considerato invero come proprio la reiterazione nel tempo di tali assegnazioni di incarichi di psicoterapia poteva procurare quel vantaggio cui i privati anelavano, cosa che non sarebbe certo stata possibile senza la chiara copertura politica del Carletti“.

Quindi, a parte i reati di abuso d’ufficio e di falso ideologico, a parte l’omissione di una procedura ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio di psicoterapia, a parte l’aver procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale a Scarpati e alla Hansel e Gretel, nonché l’utilizzo gratuito della struttura pubblica “La Cura” di Bibbiano, a parte aver pagato l’ingiusto profitto di 135 euro l’ora per ogni minore, nonostante l’Asl di Reggio avrebbe potuto svolgere gratuitamente questo servizio pubblico, a parte il danno per l’Unione Comuni Val d’Enza e Asl Reggio Emilia per 200mila euro, a parte tutto ciò, io vorrei richiamare Carletti e il PD reggiano alle proprie responsabilità politiche, perché dalle carte emerge il fallimento politico del suo operato.

Io non giudico questi fatti, Carletti potrebbe anche risultare innocente, ma dalle carte del giudice si evince che Carletti ha dato copertura politica a tutta questa operazione, alla Hansel e Gretel e al trio Foti – Anghinolfi – Bolognini, organizzando insieme a loro convegni su tali temi, in Val d’Enza, alle Feste dell’Unità, in Provincia, In Regione e persino in Parlamento il 14 Luglio 2016, addirittura col patrocinio della Regione Emilia Romagna e dall’Asl di Reggio, nonché dell’Unione e dei comuni della Val d’Enza.

Queste persone sono state accreditate e portate nelle istituzioni e nei convegni pubblici come un esempio da seguire, paradossalmente per imparare da loro come devono essere gestiti i servizi sociali ai minori e Carletti era sempre presente, insieme ad altri politici suoi colleghi, tutti del PD, come Marco Scarpati, Vanna Iori, Gianmaria Manghi, Paolo Colli, Roberta Mori e tanti altri.

Andrea Costa

Probabilmente erano tutti in buona fede, probabilmente hanno preso tutti un abbaglio, probabilmente nessuno si era mai accorto di nulla, ma la responsabilità politica c’è tutta ed è gravissima.

Mi rivolgo ad Andrea Costa, perché credo che il suo ipergarantismo su questa inchiesta non dovrebbe impedirgli di vedere il fallimento politico del suo Sindaco Carletti e dei tanti politici del PD che, a vario titolo, si sono prestati a dare visibilità, credibilità e potere a queste persone, accreditandole pubblicamente, mediaticamente ed istituzionalmente.

Se poi consideriamo il terremoto politico che ha colpito di recente il Comune di Reggio, il Sindaco Vecchi e la sua Giunta, con 33 dirigenti indagati per reati gravissimi, minandone la credibilità sia politica che istituzionale, l’unica cosa da fare per il segretario Costa sarebbe quella di chiedere le dimissioni di Carletti e di tutta questa classe dirigente che, nella migliore delle ipotesi non si è accorta di ciò che veniva fatto sotto i loro occhi dai loro stessi collaboratori.

Ma forse Costa farà finta di niente, sperando che i cittadini dimentichino presto le disgrazie del PD reggiano, magari distratti da Delrio che sta spostando l’attenzione mediatica altrove o magari distratti dalla partenza per le vacanze estive”

*commissaria provinciale Forza Italia

Condividi

3 risposte a “Angeli e Demoni fallimento politico di Carletti e del Pd
Una classe dirigente deve dimettersi”
Fantinati (Fi): “Quando Manghi, Iori, Colli e Mori erano alla corte di Hansel e Gretel”

  1. Guido Rispondi

    02/07/2019 alle 14:48

    Purtroppo c’è poco da commentare, non credo che la procura in questo caso, è in quello del comune di Reggio . Si sia mossa in modo superficiale, quello che emerge è di una gravità assoluta, il PD non può nello stesso tempo ribadire la fiducia nella magistratura, e la fiducia nei suoi amministratori !!

    • Fausto Poli Rispondi

      03/07/2019 alle 23:21

      Rapimenti di bimbi da parte di assistenti sociali, false sentenze. Evidente la copertura politica del Pzd, perche’ il tribunale di Bologna dei minori e’ sotto amministrazione pd. Cos’è inquietanti, questo e’ un paese popolato da cittadini onesti, diamine !!!!!!

  2. Camillo Di Toro Rispondi

    06/07/2019 alle 09:13

    Grazie x qs bell’articolo chiaro ed esauriente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *