La città accogliente
Preso due volte con coltello e bastone il finlandese che aveva palpato la poliziotta. Ma è ancora in libertà

13/6/2019 – Insomma, non c’è proprio modo di mettere in riga il filandese
Lauri Asare Darku KoKu, arcinoto alla polizia, il giovane senza fissa dimora che sabato 8 giugno ha palpeggiato il seno di una poliziotta, compiendo atti osceni, ed era stato arrestato dalla Polfer per violenza sessuale. Il giudice lo aveva rimesso subito in liberatà, considerando il reato “di lieve entità”, ma provocando la reazione indignata del sindacato di Polizia.

Tra ieri sera e questa mattina il filandense è stato fermato due volte dalla polizia, sempre in stazione, una volta armato di coltello e l’altra con un bastone in mano mentre molestava i passanti. Ieri sera è stato denunciato a piede libero per possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere. Questa mattina invece è intervenuta la Squadra Volante, ha recuperato il bastone, e ha accompagnato Darku in questura.

In ragione dell’apparente stato di alterazione psicofisica, il filandese è stato portato al Santa Maria Nuova per verificare la possibilità di un trattamento sanitario obbligatorio, eventualità – fa sapere la Questura – già peraltro suggerita dalla Procura della Repubblica all’atto del primo arresto. Ma “a seguito di visita specialistica lo straniero veniva immediatamente dimesso senza l’applicazione del TSO”.

Proseguono attivamente gli accertamenti – assicura via Dante – tesi a stabilire le ragioni che hanno determinato il possesso di un coltello e di un bastone da parte dello straniero.

Condividi

Una risposta a 1

  1. Welcome Rispondi

    14/06/2019 alle 09:17

    L'”accoglienza” talvolta finisce dove inizia la collusione (senza virgolette).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *