Ripulire Reggio: foglio di via e divieto di ritorno per tre anni a carico di tre stranieri e un italiano


21/5/2019 – Sempre più numerose le misure cautelari ordinate dal questore di Reggio Emilia, Antonio Sobrdone. Nella sola giornata di ieri, 20 maggio, il Questore ha emanato i fogli di via obbligatori con divieto di ritorno per quattro soggetti “che si ritiene siano dediti abitualmente a traffici delittuosi”. Sono due marocchini, un rumeno e un italiano.
Nei confronti del marocchino M.Y. e del rumeno B.I., è scattato il divieto di ritorno per i prossimi tre anni nel territorio del Comune di Reggio Emilia.
M.Y., 29 anni, nato in Marocco e in Italia senza fissa dimora, il 14 maggio era stato arrestato in flagranza di reato dalla squadra volante per una rapina aggravata ai danni di un esercizio commerciale di Reggio.
Il soggetto – specifica la Questura – “è gravato da numerosi precedenti penali per rapina aggravata, invasione di terreni ed edifici, reiterate violazioni di norme per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche o psicotrope.
B.I., classe 1990, rumeno e anche lui in Italia senza fissa dimora, è finito in manette l’11 maggio, con arresto operato dalla Squadra Mobile per tentato furto ai danni di un’agenzia assicurativa. Ha a suo carico numerosi precedenti per delitti contro il patrimonio, e fa gruppo fisso con altri pluripregiudicati.
Per l’altro marocchino, E. M. di 27 anni, residente attualmente a Gattatico e di fatto senza fissa dimora, divieto di ritorno per trenni nel territorio del comune di Novellara: è la persona arrestata l’ 8 maggio 2019 dai Carabinieri di Novellara, in servizio di perlustrazione anticrimine, per violenza e resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale continuata, danneggiamento aggravato, lesioni personali e altri delitti.
Foglio di via con divieto di ritorno a Gattatico per tre anni, infine, a carico napoletano M. F. di 20 anni, residente a Sant’Ilario d’Enza. Nonostante la giovane età, ha a suo carico “numerosi precedenti penali per furto, lesioni, detenzione e spaccio di sostanza
stupefacenti e detenzione e porto abusivo di armi”. Il 15 maggio è stato fermato e controllato dai carabinieri di Gattatico mentre si aggirava, in compagnia di altro giovane pregiudicato, in una zona residenziale del territorio di Gattatico ove si sono registrate azioni predatorie a danno di persone,
abitazioni e centri commerciali.

Condividi

Una risposta a 1

  1. VaffanZum Rispondi

    21/05/2019 alle 13:45

    Fuori dall’Italia senza possibilità di ritorno!
    Una utopia ?
    Colpa di quelli che stanno ancora qui a fare la morale, mentre si ingrassano sempre più su materassi foderati d’oro.
    Ma che vadano a farsi fottere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *