Cuccioli salvati dai Carabinieri Forestali: richieste
di adozioni da tutta Italia. Ma bisogna aspettare: ecco perché

18/4/2019 – Dopo l’operazione Crudelia è scattata una gara di solidarietà non solo a Reggio, con richieste di adozioni da tutta Italia per i 108 cani di razze pregiate, di cui 45 cuccioli molto piccoli, sequestrati durante il blitz compiuto mercoledì dal gruppo Carabinieri Forestali di Reggio Emilia – guidati dal tenente colonnello Sandra Di Domenico – insieme ai colleghi di Piacenza e di altre città del centro nord, per stroncare un traffico di animali da compagnia tra Reggio Emilia e la Slovacchia.


Giornali, web journal e tv sono subissati dalle richieste di informazioni per adottare i cagnolini. Reggio Report ha ricevuto la disponibilità di decine di famiglie da tutta Italia che chiedono informazioni per poter procedere alle adozioni.

E’ bene precisare che per il momento i cani sono in cura presso strutture specializzate: soprattutto i cuccioli, piccolissimi, sono in cattive condizioni di saluti, devono essere riabilitati e vaccinati. I Carabinieri Forestali fanno sapere che le adozioni dovranno essere autorizzate dal pm che coordina l’inchiesta giudiziaria. Insomma, se ne parlerà fra un mese, e forse due. Reggio Report provvederà a pubblicare tutti gli aggiornamenti del caso.

Condividi

3 risposte a Cuccioli salvati dai Carabinieri Forestali: richieste
di adozioni da tutta Italia. Ma bisogna aspettare: ecco perché

  1. Francesca Rispondi

    19/04/2019 alle 20:07

    Buonasera vorrei informazioni per adottare un cucciolo di bulldog francese.
    La ringrazio…

  2. Mariagrazia.ferrari Rispondi

    20/04/2019 alle 12:04

    Poveri cuccioli chissa ‘ che cosa hanno passato , mi piacerebbe tanto visto l’amore che ho per gli animali avere un cucciolo che resti piccolino da tenere in appartamento e dagli tanto amore grazie

  3. Simona Rispondi

    29/04/2019 alle 16:03

    Buonasera vorrei avere informazioni per adottare un cucciolo di bulldog francese o un cucciolo di carlino, grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *