Iren 2018: ricavi 4 miliardi, utile 242 milioni, indebitamento verso 2,5 miliardi
Dividendo 8,4 cento: per il Comune di Reggio è un gruzzolo di 7,1 milioni

12/4/2019Ricavi a 4.041 milioni di euro (+9,3% rispetto al 2017), Margine Operativo Lordo (Ebitda) a 967 milioni di euro (+17,8%). Utile netto di gruppo pari a 242 milioni di euro (+1,8% rispetto a 238 milioni di euro al 31/12/2017). Indebitamento finanziario netto a 2.453 milioni di euro, in aumento di 81 milioni rispetto a fine 2017 (ma escludendo le operazioni di consolidamento, l’indebitamento finanziario netto sarebbe in calo di 78 milioni di euro).

Sono le cifre portanti del bilancio 2018 approvato dal consiglio di amministrazione del gruppo Iren. Approvata anche la proposta di dividendo pari a 8,4 centesimi per azione (+20% rispetto al precedente) che per il comune di Reggio Emilia significa un introito di 7,1 milioni di euro.

Il presidente di Iren Paolo Peveraro

Cifre che permettono al presidente di Paolo Peveraro di commentare, trionfalisticamente, che“i risultati del bilancio 2018 sono i migliori di sempre nella storia di Iren”.

Del resto la multiutility ha chiuso il 2018 con risultati economici in crescita, una forte spinta agli investimenti (+25%) e una proposta di dividendo in ulteriore crescita, che segue a quella del 12% del 2017, del 14% nel 2016 e una previsione di crescita annua della cedola del 10% fino al 2023.

I risultati ottenuti nel 2018 confermano il percorso virtuoso degli ultimi quattro anni anche grazie alla crescita organica (circa 13 milioni di euro), alle sinergie per 15 milioni di euro e, per 32 milioni di euro, alle operazioni straordinarie che hanno permesso un significativo ampliamento del perimetro di consolidamento.

Secondo l’amministratore delegato Massimiliano Bianco, “si consolidano i risultati degli anni precedenti, a dimostrazione della capacità del Gruppo di raggiungere gli obiettivi stabiliti nel Piano Industriale, in una dimensione del business sempre più articolata e complessa”.

Massimiliano Bianco. a.d. gruppo Iren

“Positivo l’apporto al risultato da parte di tutti i business in cui è attivo il Gruppo – sottolinea una nota Iren – Le Reti, grazie in particolare al consolidamento di Acam La Spezia, il settore Ambiente grazie a una migliore saturazione degli impianti del Gruppo, il settore Energia sul quale ha impattato positivamente sia la vendita straordinaria di certificati bianchi sia uno scenario di mercato eccezionale e, infine, il Mercato che ha beneficiato di una sopravvenienza attiva e ha ricevuto un’importante risposta da parte dei clienti, cresciuti di oltre 65.000 unità rispetto allo scorso anno a quota 1,78 milioni.

Condividi

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    13/04/2019 alle 14:32

    Gli utili sono molto piu’ alti. Capperi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *