Addio a Villa Levi: così muore un monumento di Reggio

I reggiani di rischiano di perdere uno dei beni immobiliari, storici e affettivi – si parla di un valore di sette milioni – che hanno fatto la storia della città. Infiltrata d’acqua e muffe, vittima dei ladri, abbandonata al suo destino è una delle più affascinanti dimore storiche seicentesche della regione.
E’ Villa Levi che nel Settecento sarebbe passata proprio alla storica famiglia ebrea di cui porta ancora il nome. Una villa che comprende i due fabbricati annessi (Guado e Augusta), terreni per 20 ettari, l’oratorio Besenzi del 1840, ma che soprattutto ha un meraviglioso corpo centrale neoclassico e le dipendenze attorno.
Oggi 17 aprile vedono andare via per sempre i pochi tecnici di laboratorio rimasti, con rientro all’Università di Bologna.


Villa Levi ha ospitato per quasi mezzo secolo il Corso di Laurea in Scienze della Produzione Animale (il triennio applicativo finale).
Nel 1968, in piena contestazione studentesca, i presidi delle facoltà di Veterinaria e di Agraria dell’Università di Bologna, fondarono per la prima volta in Italia il corso di Laurea di Scienze della Produzione Animale, collocando il biennio propedeutico a Bologna e quello applicativo a Reggio Emilia, con sede a Villa Levi-Coviolo. Nel 1970 la Villa venne acquista, con firme dei professori Zucchi e Zambonelli, dall’ultimo proprietario del tempo, l’avvocato Pelosi. 
All’inizio, tutte le attività reggiane di Scienze della Produzione Animale si svolsero per diversi anni in una sede provvisoria, successivamente all’acquisto, operato dall’Università di Bologna con anche un contributo della Cassa di Risparmio di Reggio, si trasferirono qui definitivamente nel maggio del 1978 con il restauro fatto dall’Università di Bologna con contributi per la gestione degli enti locali reggiani Camera di Commercio, Provincia, Comune di Reggio Emilia.
Da allora fino all’aprile del 2011 in cui venne chiusa definitivamente, (per trasferire tutte le attività presso la sede di Bologna) ha laureato oltre 1500 professionisti. 

Villa Levi, le condizioni della recinzione


Negli ultimi anni però è stata completamente trascurata per motivi economici dall’Università di Bologna, “fino a renderla a quasi un rottame”- commenta un ex docente, come dimostrano le diverse foto. Acqua infiltrata nei tetti, grondaie in rame rubate e sostituite con quelle in plastica, alberi monumentali caduti nel meraviglioso parco accanto.
“lo spreco di danaro pubblico equivale a un furto aggravato, perché trattasi di quattrini degli italiani. La morte di Villa Levi non é un danno economico solo per Coviolo, ma per tutta l’Università italiana”.
Perché Villa Levi venne abbandonata? “Ai primi anni Duemila a Reggio Emilia c’erano 3 facoltà di agraria oltre a questa di Produzione Animale di Bologna, con Modena e Parma. Nel mentre a Reggio Emilia era iniziata già a fine anni Novanta la battagliaper essere sede di Università e non solo distaccamento. Creata la nuova Università di Unimore risultava superfluo mantenere a Reggio un distaccamento di Bologna”. 

Villa Levi, il parco in abbandono


Nel 2011 a Villa Levi cessarono funzioni didattiche, col rientro di ricercatori, insegnanti e studenti a Bologna, che, qui a Coviolo, erano svolti negli istituti di allevamenti zootecnici, di zooeconomia, microbiologia e industrie agrarie, istituto di produzione foraggere e di edilizia zootecnica. Qui sono nate, oltre a numerose analisi economiche, alcune tra le più grandi scoperte scientifiche del tempo, ad esempio, su Parmigiano Reggiano e suinicoltura.
Inutilmente, per 7 milioni di euro, l’Università di Bologna ha cercato di vendere questo luogo che è protetto da vincolo della Soprintendenza.

Villa Levi, la facciata e il portico
Condividi

Una risposta a 1

  1. Carlo Baldi Rispondi

    18/04/2019 alle 10:18

    Purtroppo l’Università di Bologna ed anche i suoi docenti non riuscirono a trovare un accordo con Unimore per organizzare a Reggio una unica facoltà di agraria ; stesso problema per Parma. Il progetto era unire Scienze e tecnologie alimentari, che Parma gestiva a Reggio, e Scienze delle produzione animali di Bologna, in un’unica facoltà di agraria insieme ai corsi di Unimore. Purtroppo, per incapacità anche della classe politica, per lo scioglimento anticipato di Reggio città degli studi e per miopia delle Università, questo progetto non è andato in porto. Se Ministro fosse comunque stato ancora il prof. Ruberti, verso il quale la nostra città ha un grande debito di riconoscenza, forse il progetto si sarebbe attuato e a Reggio si sarebbe formata una grande facoltà di agraria, senza disperdere ciò che già esisteva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *