Forza Italia, i 26 candidati di Reggio Emilia
Capolista Claudio Bassi con undici donne, studenti, imprenditori, commercianti e professionisti

28/4/2019 – Sono 26 i candidati della lista di Forza Italia per il comune di Reggio Emilia (che con Lega e FdI sostiene il candidato sindaco Roberto Salati). La lista, definita dall’on. Benedetta Fiorini, dal commissario provinciale Cristina Fantinati e dal commissario cittadino Rodolfo Bellentani, è stata depositata con 499 firme raccolte in pochissimi giorni, quindi con un ampio margine rispetto alle 350 necessarie.

Capolista è l’avvocato Claudio Bassi.capogruppo e presidente vicario in Sala del Tricolore. al secondo posto l’altro consigliere Nicolas Caccavo. Undici le donne tra cui le Matilde Mazzali, studentessa di psicologia e coordinatrice di Forza Italia Reggio Emilia giovani, e Giulia Beretti, studentessa di giurisprudenza e coordinatrice provinciale di Forza Italia giovani.

Un gruppo candidati della lista di Forza Italia al comune di Reggio

In lista Andrea Catellani, 28 anni, laureato con lode in giurisprudenza, master in gestione di impresa e sales manager; Francesco Martelli, Davide Davoli, Luca Vezzani (52 anni, imprenditore del settore chimico) Francesco Martelli e Davide Davoli.

Tra le new entry Isabella Bertani, imprenditrice nell’azienda di famiglia nel settore export; Luca Tamagnini 31 anni, noto commerciante delcentro di Reggiodel Centro Cittadino; Marco Catellani, veterinario reggiano esperto in Benessere Animale e Pet Therapy , docente in Istituti Superiori e e nel carcere di via Settembrini, oltre che pubblicista e scrittore. Completano la squadra Gianfranco Tirelli – esperto di turismo ed enogastronomo – Armando Bedogni, Sandra De Pietri, Ivo Germani, Giancarlo Bellentani, Giuseppina Sereni, Lucia Lusuardi, Valentina, Corradi, Laura Gravina, Matteo Catellani, Dantina Nironi, Ivano Bertani, Patrizia Voto, Stefania Lambertini e Giovanni Cattani.

“Da tutti i candidati – sottolinea Forza Italia – emerge il desiderio di dare un volto nuovo alla città, liberandola definitivamente da decenni di divieti, tasse, disinteresse per imprenditoria, commercio, mancanza di rispetto per l’ambiente, tutela del territorio e sicurezza. Proprio su quest’ultimo punto è forte la comunione di intenti nel ripulire letteralmente la città dalla microcriminalità e dalla criminalità organizzata, ognuno vuole riacquisire il diritto di poter finalmente vivere serenamente la propria città”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *