Ndrangheta, operazione in Veneto
contro il clan Grande Aracri
Più di trenta arresti, sette a Reggio Emilia

12/3/2019 – Arresti e perquisizioni anche a Reggio Emilia e Parma nell’ambito di una vasta operazione contro la ‘ndrangheta in corso nel Veneto, dove i Carabinieri di Padova e la Guardia di finanza di Venezia hanno eseguito 33 misure di custodia cautelare. Il blitz è coordinato dalla Procura distrettuale antimafia di Venezia.
Reggio Emilia i militari hanno operato sette arresti e tre perquisizioni a carico di indagati, a cui si aggiungono le ordinanze di custodia cautelare per persone che già si trovano in carcere poiché coinvolte nel maxi processo Aemilia. In tutto, quindi, sono una ventina i soggetti residenti nel reggiano e coinvolti nell’operazione. alle 12 gli arrestati sono stati trasferiti dalla caserma dei Carabinieri di via Cairoli a carcere.

L’operazione “Camaleonte” è tornata a colpire la cosca Grande Aracri di Cutro, fortemente radicata nel reggiano e decapitata almeno nel suo ramo emiliano e mantovano col processo Aemilia. Nel mirino, questa volta, le infiltrazioni del clan nel tessuto economico del Veneto.

Clan Grande Aracri, operazione Camaleonte: le auto degli arrestati escono dal comando provinciale dei Carabinieri di via Cairoli

Indagati e arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al riciclaggio, usura, sequestro di persona, estorsione e emissione di fatture inesistenti. Cinque le persone coinvolte nel crotonese: due in carcere, due agli arresti domiciliari e due destinatarie dell’obbligo di firma.

Una cinquantina le perquisizioni compiute fra Treviso, Vicenza, Padova, Belluno, Rovigo, Belluno, Reggio Emilia, Parma, Milano e Crotone. E’ in corso l’esecuzione di sequestri per circa dieci milioni di euro.

“MAFIE COLPITE”: ESULTANO SALVINI E ZAIA

Su Twitter l’esultanza del ministro dell’interno Matteo Salvini. “Mafie colpite. Più di 60 arresti tra Veneto e Sicilia. Sequestrati a Napoli beni riconducibili ai familiari del camorrista Zagaria per un valore di 3 milioni. Grazie a Forze dell’Ordine e inquirenti, la giornata comincia bene. Orgogliosi delle nostre donne e uomini in divisa”, ha scritto Salvini sul social network. Gli ha fatto eco anche il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia: “Mentre attendiamo i particolari, che verranno resi noti più tardi, è già chiaro che siamo di fronte a una nuova importante operazione contro la criminalità organizzata nel Veneto – ha dichiarato -. Che si tratti di criminalità organizzata o no, questi figuri devono capire che questa è terra di onestà e di legalità, che non sopporta i delinquenti e che è supportata da Inquirenti e Forze dell’Ordine tenaci, preparati, duri quanto serve. Pane duro da masticare per il crimine, che lo sarà ogni giorno di più. Vale a dire tolleranza zero”.

5 STELLE: NUOVO COLPO AL CANCRO NDRANGHETISTA

12/3/2019 – “Un nuovo colpo contro il cancro ndranghetista che infesta la nostra terra, la cosca Grande Aracri. Un colpo fatto da 7 arresti e diversi indagati e sequestri nel reggiano che ci riporta d’attualità come la ‘ndrangheta non sia stata ancora sconfitta e sempre di più vede alleati spregiudicati cittadini reggiani”:  così in una dichiarzione congiunta i parlamentari del Movimento 5 Stelle Maria Edera Spadoni, Davide Zanichelli, Maria Laura Mantovani e Gabriele Lanzi.
“Nella sola città di Reggio Emilia i militari hanno operato sette arresti e tre perquisizioni, a cui si aggiungono le ordinanze di custodia cautelare a carico di alcuni soggetti che già si trovano in carcere poiché coinvolte nel maxi processo Aemilia. Il totale si aggira intorno ad una ventina di soggetti residenti nel reggiano e coinvolti nell’operazione”.
“Questo deve servire da monito per non abbassare la guardia sulle mafie che sono ancora fortemente radicate nel nostro territorio, come lo dimostrano anche gli ultimi episodi accaduti con spari e minacce giunte a due attività locali. Nessun territorio è immune e dobbiamo fare aumentare la consapevolezza culturale di questo – aggiungono i parlamentari pentastellati – Un grazie ai magistrati e alle Forze dell’Ordine per il prezioso lavoro che ogni giorno svolgono per la tutela dei cittadini e della legalità”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Truffariato di Sistema :(( Rispondi

    13/03/2019 alle 12:27

    Spregiudicati cittadini non (ancora) giudicati ..
    ad ogni livello…e si intende ad ogni livello.
    Quindi:
    ci auguriamo che facciano anche una bella indagine approfondita su chi eventualmente ha il potere (spregiudicato e intonso) di proteggerli (anche giudizialmemnte).


    grazie a tutti i cittadini/e (ancora) onesti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *