Un commentaccio su Mahmood imbarazza Forza Italia, che prende le distanze

Un “meme” che irride Mahmood, vincitore dell’ultimo festival di Sanremo, dove sotto la foto del cantante con il premio c’e’ la didascalia: “Quando Abdul viene nominato miglior spacciatore di zona”.

A condividerlo sul suo profilo di Facebook e’ Elena Diacci capogruppo di Forza Italia a Scandiano, che aggiunge in un post: “Perche’ Sanremo e’ Sanremo e la Rai sei tu”. Alludendo cioe’ alla polemica sul voto delle giurie che hanno ribaltato quello dei telespettatori nel decretare il vncitore del festival. L’immagine, visibile solo agli “amici” di Diacci, ha collezionato circa un centinaio di “like”. Ma suscitato anche perplessita’: “Questa e’ davvero brutta”, si legge in un commento.

dal canto suo, Elena Diacci sforza la polemica e spiega che la sua era soltanto  “una battuta goliardica”. E aggiunge: “Se ho preso circa duecento like vuol dire che tanti l’hanno capito. Per mio gusto personale preferivo vincesse Loredana Bertè, anche se sulla vicenda del voto della giuria popolare distante da quello dei telespettatori, sottoscrivo le perplessità espresse da Matteo Salvini. Ma sia chiaro, non ce l’ho con Mahmood che stando a quanto mi risulta è un simpatizzante di Forza Italia e come ha detto Salvini stesso, è nato a Milano e non deve integrarsi”.
Di diverso avviso la coordinatrice provinciale di Forza Italia Cristina Fantinati, che su facebook ha preso le distanze da Diacci a nome del partito, parlando di “commenti inopportuni”.


“Sanremo è finito, chi ha vinto ha vinto e chi ha perso ha perso – scrive – Sarebbe bene che le polemiche finissero, soprattutto quelle di natura politica, visto che si parla del festival della canzone e non di altro. Purtroppo anche una nostra giovane esponente locale si è lasciata andare a commenti personali del tutto inopportuni, da cui prendiamo le distanze. Continuiamo a lavorare per il nostro territorio, perché c’è molto da fare e non c’è tempo per le chiacchiere”.

(FONTE: AGENZIA DIRE E ANSA.IT)

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *