Incaricopoli fa tremare il Pd
Parla Delrio: “Basta propaganda, credo nella correttezza dei dirigenti comunali”

24/2/2018 – L’inchiesta per falso ideologico e abuso d’ufficio, che vede indagati 18 dirigenti ed ex dirigenti del comune di Reggio emilia per gli incarichi esterni conferiti nel 2013 (la spesa complessiva,quell’anno, fu di 2,9 milioni di euro) vede il Pd sotto attacco, e in evidente imbarazzo di fronte alle accuse di responsabilità politiche mosse dalle opposizioni reggiani. al punto che oggi è intervenuto anche l’ex sindaco Graziano Delrio, primo cittadino di Reggio sino al 28 aprile 2013, quando fu chiamato come ministro nel governo Letta, per allontanare l’ombra di ogni coinvolgimento nella vicenda.

Maria Sergio accanto a Graziano Delrio, quando il ministro era sindaco di Reggio

“IL M5S fa solo propaganda elettorale perché non ha proposte sulla città e prova a fare polveroni. La Corte dei conti chiese la modifica del regolamento nel 2015. I fatti dell’indagine in corso risalgono al 2013”. Come dire “all’epoca tutto regolare”, se non fosse che i richiami della Corte dei Conti sulla discrezionalità nel conferimento degli incarichi risalgono al 2008, quando Delrio era sindaco in carica. Delrio, replicando ai 5 Stelle sembra voler rispondere al vicesindaco Sassi che, rilevando che dei dirigenti si opponevano alla riforma del regolamento sulle prestazioni professionali, ha rotto il fronte della maggioranza e della Giunta rispetto all’inchiesta della Procura di Reggio.

“Ho piena fiducia nella magistratura e credo nella correttezza dei dirigenti del comune di Reggio – ha detto oggi Delrio – Ed è inutile fare processi finti e preventivi da parte di una forza politica come il M5s che invece, in Parlamento, fa evitare i processi veri. E’ pura propaganda elettorale per far dimenticare che salvano dal processo Salvini o la condanna del capo del personale al Comune di Roma a tre anni di reclusione”.

“Quanto alle calunnie su di me, chi le dice chiarirà in tribunale – conclude Delrio – I grillini e la destra fanno i condoni edilizi e fiscali e sono senza nessuna credibilità come si accorgeranno a maggio in occasione delle prossime amministrative”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *