Emergenza smog: sino a giovedì blocco dei diesel euro 4. Riscaldamento a 19°, caminetti spenti

Da domani, martedì 12 febbraio, a giovedì 14 febbraio 2019 compreso, tornano in vigore le cosiddette misure emergenziali per l’elevato livello di smog registrato a Reggio Emilia come nelle altre città emiliane. Reggio ha registrato sei giorni consecutivi di sforamento dei livelli di Pmi, e in quattro giorni ha registrato la qualità dell’aria peggiore tra i nove capoluoghi di provincia della regione. Domenica è andata malissimo lungo la via Emilia, con 96 microgrammi per metro cubo d’aria di Pm 10 reigstrati a Reggio (quasi il doppio del limite di legge, 96 a Piacenza, 94 a Modena e addirittura 101 a Parma.

Di conseguenza sono entrate in vigore le limitazione al traffico e al riscaldamento di secondo livello rispetto ai provvedimenti base contemplati dal Piano regionale dell’aria.

In arancione i giorni di sforamento delle Pm10 nelle città emiliane in due settimane

Per cui da martedì 12 sino al 14 febbraio, dalle ore 8.30 alle ore 18.30 non potranno circolare tutti i veicoli a benzina pre-euro ed euro 1, diesel pre-euro, euro 1, 2, 3 e 4 e ciclomotori e motocicli pre-euro.

Potranno invece circolare tutti i veicoli appartenenti alle categorie superiori e quelli alimentati a metano, gpl, elettriche e ibride.

Fino al controllo successivo (giovedì prossimo) sarà inoltre vietato sostare a motore acceso. Per quanto riguarda il riscaldamento, le temperature di case, uffici, luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali non potranno superare i 19 gradi, mentre i luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali non potranno spingersi oltre i 17 gradi. Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive.

Sarà inoltre vietato l’utilizzo di generatori di calore a biomassa legnosa (se è presente un impianto di riscaldamento alternativo) con classe di prestazione emissiva inferiore alle 4 stelle. Non si potranno bruciare all’aperto residui vegetali, fare falò, barbecue o fuochi di artificio, né si potranno spargere liquami zootecnici.

Per garantire il rispetto dei provvedimenti verranno intensificati i controlli su tutta l’area urbana da parte della Polizia municipale con sanzioni per le inadempienze fino a 500 euro.

DOVE All’interno dell’area interessata dal provvedimento – il tessuto urbano di Reggio Emilia – è consentita la circolazione esclusivamente sui seguenti assi di attraversamento, che manterranno la normale transitabilità:

  • Strada statale 9 – via Emilia – direttrice Parma-Modena (via Fratelli Cervi, tratto compreso tra Gianbattista Vico e l’imbocco con la Tangenziale Nord – strada Tangenziale Nord – via Pasteur);
  • Strada statale 63 – Del Cerreto (direttrice Castelnuovo Monti): via Hiroshima – via Chopin – via Inghilterra – via Martiri della Bettola (tratto compreso tra via Inghilterra e via della Repubblica) .
  • Raccordo tra Sesso e la tangenziale: via dei Gonzaga (fino a viale Città di Cutro) – viale Città di Cutro – svincoli di collegamento tra viale Città di Cutro e la tangenziale
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *