Webranking (digital marketing) si insedia con 50 work station nel Parco Innovazione ex-Reggiane

14/1/2018 – Una nuova azienda fa il suo ingresso nel Parco dell’innovazione di Reggio Emilia, nei capannoni riqualificati delle ex Reggiane.

Si tratta della societa’ “Webranking“, tra le principali in Italia nel settore del digital marketing. Avrà  “casa” nel capannone 18 che si trova di fianco al capannone 19, primo degli edifici riqualificati e sede dal 2013 del Tecnopolo per la ricerca industriale e il trasferimento tecnologico.

L’immobile, un tempo officina dove si lavoravano le lamiere per per le caldaie delle locomotive, locomotive ospita già nei suoi 8.600 metri quadri, rimessi a nuovo con un investimento in gran parte pubblico di 11,9 milioni, le aziende Ask/Jvc Kenwood, Studio Alfa, Bema\Elettric 80, Grasselli spa e lo studio di produzione cinematografica Palomar.

Luca Torri, amministratore della società di trasformazione urbana “Reggiane”, commenta: “Questo accordo è un ulteriore concreto passo nella nostra azione di restituzione a nuova vita dei capannoni delle Reggiane, attraverso il loro recupero e l’insediamento di nuove funzioni e nuovo lavoro altamente qualificato”. Webranking, aggiunge Torri, “e’ un partner innovativo ed estremamente competente, che condivide la filosofia del Parco Innovazione: crescere ed essere competitivi aprendosi alla contaminazione dei saperi”.

La firma del contratto preliminare di compravendita tra Stu Reggiane e Webranking riguarda l’acquisizione definitiva di immobili per una superficie totale di 500 metri quadri. Entro marzo 2019 saranno completati i lavori, che sono a carico di Stu Reggiane, e subito dopo inizierà l’allestimento degli uffici da parte di Webranking per la piena operatività di circa 50 postazioni di lavoro. “La nuova sede nel Parco Innovazione- afferma Andrea Storchi, direttore finanziario della società- è per noi un un investimento strategic. Qui possiamo cogliere nuove opportunita’ legate alla vicinanza col polo universitario, senza dimenticare la contaminazione di idee ed esperienze con le altre aziende che qui hanno deciso di fare sviluppo e innovazione”.

(FONTE: AGENZIA DIRE)

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *