Un Primo Tricolore senza cittadini e nel segno della divisione politica. “Ma la bandiera unisce tutti”

7/1/2018 – Poca gente in piazza Prampolini dietro le inutili  transenne, comunque meno anche rispetto agli anni precedenti, dove la partecipazione alla cerimonia dell’alzabandiera si era fatta via via sempre più sottile. La platea del teatro Ariosto riempita con i sindaci in fascia tricolore, gli ospiti di rango  e gli staff. Praticamente deserte le file dei palchi.

E’ stata quella di lunedi 7 gennaio,  la celebrazione del Primo Tricolore più dimessa degli ultimi vent’anni (assente persino, per la prima volta, la rappresentanza dell’Accademia militare di Modena), in cui si è misurata tutta la distanza che ormai separa, è triste riconoscerlo, i cittadini reggiani dalle istituzioni. Unico guizzo, nel grigiore in cui è precipitata una celebrazione nata invece per essere festosa e innovativa, l’invettiva di Poldo, ex operaio reggiano di 72 anni, militante di sinistra, che in piazza Prampolini ha gridato “Accoglienza a casa nostra”, per sottolineare che i porti vanno aperti e che l’italia deve accogliere i fuggitivi dall’Africa.

La presidente del Senato Alberti Casellati, tra il prefetto Maria Forte, il sindaco Vecchi e l’on. Graziano Delrio, sul palco di Piazza Prampolini

Da segnalare l’omaggio rivolto allo scomparso Otello Montanari (“partigiano, parlamentare, soprattutto un grande reggiano”, ha detto il sindaco Luca Vecchi) e al suo contributo determinante, grazie a una ferrea volontà politica e culturale, nella valorizzazione di Reggio Emilia come patria del Primo Tricolore, e soprattutto alla nascita della Festa nazionale della Bandiera voluta dal presidente Carlo Azeglio Ciampi. L’associazione nazionale Comitato Primo Tricolore, da lui fondata,” dovrà continuare” ha assicurato il sindaco. Per il momento, però, è senza una sede.

L’alzabandiera in piazza Prampolini

Grigiore e senso del declino, dicevamo,  nonostante la presenza della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati (incantevole in pantaloni e blazer rosso) , seconda carica dello Stato, intervenuta all’alzabandiera, alla consegna della Costituzione agli studenti in Sala del Tricolore, e infine alla celebrazione ufficiale al teatro Ariosto, dove ha parlato per dieci minuti con un incisivo discorso dedicato al senso e ai valori dell’italianità, senza trascurare un accento critico nei confronti dell’Europa “che non può lasciare gli Stati da soli di fronti a emergenze epocali” come l’esodo dall’Africa.

La bandiera Tricolore e’ “l’essenza stessa dell’italianità, la prima e piu’ profonda immagine di questo Paese. Ci rappresenta tutti e per questo va amata e rispettat

a- ha detto fra l’altro Casellati – É per me motivo di commozione perche’ e’ il simbolo del vissuto, delle lotte e delle conquiste dell’Italia che conosciamo oggi e di cui dobbiamo andare orgogliosi: libera, democratica e solidale”. La bandiera “è la nostra storia e il nostro  rappresenta l’italianita’ piu’ vera e profonda; simboleggia quell’idea di Patria -Terra dei padri- che ha segnato il cammino della nostra identita’.

Alberti Casellati parla al teatro Ariosto

Un cammino certamente non semplice, fatto di lotte e conquiste, sacrifici e martirii; un cammino che oggi ci consegna l’Italia cosi’ come la conosciamo: libera, democratica, solidale”. Per l’ex ministro e sindaco di Reggio Emilia, Graziano Delrio “oggi ricordiamo l’amore e l’affetto per la bandiera e per coloro che hanno combattuto per rendere questo Paese una repubblica e una democrazia”. Anche per questo, aggiunge Delrio, “molto bella l’idea del Comune di donare agli studenti il manifesto sulle leggi razziali agi studenti, perche’ quei momenti bui non devono ritornare”.

La consegna del Primo Tricolore alla presidente del Senato

“La nostra bandiera rappresenta l’italianita’ piu’ vera e profonda; simboleggia quell’idea di Patria -Terra dei padri- che ha segnato il cammino della nostra identita’. Un cammino certamente non semplice, fatto di lotte e conquiste, sacrifici e martirii; un cammino che oggi ci consegna l’Italia cosi’ come la conosciamo: libera, democratica, solidale”.

Lo schieramento militare in piazza Prampolini

A causa di impegni istituzionali, la presidente di palazzo Madama ha parlato per prima, sovvertendo il cerimoniale consueto, e ha subito lasciato la sala che cos’ è tornata in pieno monopolio del Pd.

Almeno non ha dovuto sciropparsi i discorsi lunghi e noiosi del presidente della Provincia Giorgio Zanni, del sindaco Luca Vecchi che ha riproposto il solito canovaccio panglossiano della Reggio migliore dei mondi possibili, e del presidente della Regione Stefano Bonaccini – con la camicia bianca slacciata anche in questa occasione – che non ha perso l’occasione per lanciare strali verso il governo.

FESTA TRICOLORE 7 GENNAIO 2019

L’attacco al governo era stato previsto dall’onorevole Gianluca Vinci, neo deputato della Lega, che anche per questa ragione ha disertato la celebrazione, molto preelettorale e di parte,  nonostante i reiterati appelli all’unità degli italiani e – come ha insistito Casellati – al “Tricolore che ci rappresenta tutti”. Non c’era neppure la vicepresidente della Camera, la deputata 5 Stelle reggiana Maria Edera Spadoni. Notata anche l’assenza del segretario provinciale del Pd Andrea Costa travolto dalle polemiche  perché prima ha insultato Salvini sul web, poi ha emanato come sindaco di Luzzara una surreale ordinanza “anticattiveria”.

E mentre nessun esponente del governo in carica è stato invitato (secondo un metodo consolidato a Reggio Emilia, dove l’unità si fa solo a parole) era invece in primissima fila l’ex ministro Graziano Delrio, oggi capo dell’opposizione Pd alla Camera: “Oggi ricordiamo l’amore e l’affetto per la bandiera e per coloro che hanno combattuto per rendere questo Paese una repubblica e una democrazia –  ha dichiarato Delrio a margine della cerimonia –  Molto bella l’idea del Comune di donare agli studenti il manifesto sulle leggi razziali, perchè quei momenti bui non devono ritornare”. Insomma, se non siamo al fascismo giallo.verde, poco ci manca.

Ma c’era anche  la neo deputata di Forza Italia Benedetta Fiorini, al suo battesimo del Primo Tricolore, notata a fianco della presidente Casellati.

“Sono orgogliosa di essere nata proprio qui a Reggio Emilia ed essere stata presente per la prima volta da parlamentare alle celebrazioni del 222/mo anniversario del Tricolore. Ognuno di noi deve rispettare la bandiera e le istituzioni”.
“Il popolo italiano  ha attraversato tanti momenti di difficoltà e nella sua storia ha dovuto superare prove anche molto difficili – ha aggiunto – e ci è sempre riuscito  grazie all’unità, all’attaccamento alla nostra bandiera, al lavoro, ai valori di libertà e democrazia. Il Tricolore è ciò che siamo e rappresenta anche la nostra italianità nel mondo, la nostra impresa, i nostri valori”.
IL DISCORSO AL TEATRO ARIOSTO DELLA PRESIDENTE DEL SENATO, ALBERTI CASELLATI

“E’ per me motivo di orgoglio essere qui con voi per le celebrazioni del 222esimo anniversario della nascita del Tricolore.

Lo scorso 2 giugno, in occasione della festa della Repubblica, abbiamo ospitato in Senato una mostra sulla storia costituzionale italiana e sui 70 anni della Costituzione, firmata proprio a Palazzo Giustiniani.

In quell’occasione, parlando a tanti giovani dell’importanza dell’articolo 12 della nostra Carta, dissi che il Tricolore era ed è per me motivo di commozione.

Una commozione che oggi è ancora più viva e profonda nei miei sentimenti, perché con il suo vissuto, le sue lotte e le sue conquiste, Reggio Emilia riesce a rappresentare in maniera mirabile la storia secolare della nostra Nazione.

“Città animatrice d’Italia” la salutò Ugo Foscolo, “Animosa e leggiadra” fu definita da Giosuè Carducci nel 1897 in occasione del discorso che il futuro premio Nobel per la letteratura e già senatore del Regno tenne proprio in occasione del primo centenario del Tricolore.

La nostra bandiera rappresenta l’italianità più vera e profonda; simboleggia quell’idea di Patria – Terra dei padri – che ha segnato il cammino della nostra identità.

Un cammino certamente non semplice, fatto di lotte e conquiste, sacrifici e martirii; un cammino che oggi ci consegna l’Italia così come la conosciamo: libera, democratica, solidale.

Il Paese che amiamo e che viviamo è infatti il frutto del sacrificio di tante donne e tanti uomini, spesso giovanissimi, che hanno rinunciato alla propria vita per l’ideale nazionale, opponendosi a tirannie e ingiustizie; donne e uomini portatori di una speranza incrollabile di unità e indipendenza.

Dai primi moti risorgimentali all’Unità d’Italia, dall’opposizione al regime fascista alla resistenza, dall’Assemblea Costituente alla Repubblica, il Tricolore ha sempre accompagnato le tappe della nostra storia. È la prima e più profonda immagine del nostro Paese, ci rappresenta tutti e, proprio per questo, deve essere amato, custodito, rispettato.

Faccio mio l’auspicio di un grande italiano, Carlo Azeglio Ciampi, che nel 2004 da Presidente della Repubblica inaugurò la prima sessione dell’attuale e straordinario Museo del Tricolore: “Adoperiamoci perché in ogni famiglia, in ogni casa, ci sia un tricolore a testimoniare i sentimenti che ci uniscono fin dai giorni del glorioso Risorgimento”.

Un appello che rivolgo soprattutto agli insegnanti e ai genitori: non smettete mai di tramandare ai nostri ragazzi i principi che ci hanno unito e che ci uniscono.

La nostra bandiera è l’essenza stessa dell’italianità, dei valori che sono a fondamento del nostro Stato di diritto, del nostro vivere comunitario.

Nell’economia e nell’ingegno, nel sapere e nelle arti, nelle scienze e nell’eno-gastronomia, nella moda e nello sport, nel cinema e nella musica, l’italianità è il nostro tratto distintivo:

– è il valore aggiunto di chi affronta le sfide della globalizzazione difendendo la propria storia e le proprie tradizioni: a partire dalle radici cristiane alla base della nostra comunità;

– è il codice comportamentale di chi si impegna per un Paese dove venga riconosciuto e premiato il merito. Ed è compito della politica, a tutti i livelli, tradurre questo proposito in azioni concrete per invertire il trend della fuga dei cervelli ed offrire alle giovani generazioni reali opportunità di crescita e di affermazione;

– è il sentimento di chi ritiene che non debbano esserci disuguaglianze e che vada aiutato e sostenuto chi resta indietro; così come vanno difese e supportate le fragilità: penso alle donne vittime di violenza, ai disabili, agli anziani, all’infanzia. Una sfida che può essere vinta solo grazie all’impegno dei tanti volontari che ogni giorno fanno onore all’intero Paese. Un impegno che deve trovare attenzione da parte delle Istituzioni, anche sotto il profilo fiscale ed economico;

– è il sacrificio di chi, proveniente da ogni angolo d’Italia, si batté nelle trincee della Prima guerra mondiale per l’unità e per la democrazia. Quella democrazia che non deve essere mai data per scontata e che va salvaguardata in tutte le sue articolazioni, compresa quella centralità del Parlamento che rappresenta tutti i cittadini;

– è la memoria di chi ha saputo opporsi alla dittatura e lottare per uno Stato ispirato alla libertà, alla fratellanza, all’uguaglianza;

– è la conquista di chi seppe ricostruire, dopo la seconda guerra mondiale, un Paese ferito moralmente e materialmente, e renderlo una delle più importanti potenze industriali al mondo. Un ruolo che dobbiamo mantenere tutelando il marchio Italia e favorendo quella ripresa economica necessaria per garantire occupazione e lavoro;

– è la casa di chi ha creduto nelle relazioni internazionali e nel dialogo come strumento per risolvere le controversie, nell’Europa come centro condiviso di pace e benessere. Un’Europa che abbiamo sognato e voluto ma che, per essere di nuovo amata, non può più lasciare soli gli Stati a fronteggiare emergenze epocali – come l’immigrazione nel Mediterraneo -. Riformare le Istituzioni comunitarie è un compito che passa inevitabilmente per un ritrovato protagonismo della nostra classe dirigente;

– è il successo della bellezza come antidoto all’odio e alle discriminazioni; abbiamo un Patrimonio culturale e artistico inestimabile, a noi il compito di renderlo anche un formidabile volano economico;

– è l’affermazione quotidiana di chi, dopo aver raggiunto importanti risultati nell’affermazione dei diritti, mantiene la capacità di guardare anche ai doveri: tutti coloro che in casa, al lavoro o a scuola, danno ogni giorno il proprio contributo per una città migliore, un Paese migliore, un mondo migliore.

L’Italianità è tutto questo, e molto di più. Ed il Tricolore la rappresenta e la definisce in tutta la sua straordinaria portata.

È la nostra storia, la nostra speranza negli esseri umani, il nostro futuro.

Viva il Tricolore, viva la Repubblica, viva l’Italia”.

IL DISCORSO DEL SINDACO DI REGGIO EMILIA LUCA VECCHI

Quando il 7 gennaio del 1797, i rappresentanti delle città di Reggio Emilia, Bologna, Modena e Ferrara, si trovarono nella nostra città, per far nascere la Repubblica Cispadana, concretizzarono, per la prima volta, un sogno rivoluzionario: l’unità di una comunità, l’unità nazionale come grande aspirazione ideale. Nella Repubblica Cispadana quelle quattro città diedero forma ad un patto di cittadinanza fondato su diritti e doveri con le rispettive popolazioni. Fu un momento che consentì l’affermazione di principi come “libertà ed eguaglianza”, mettendo al centro “la virtù e l’unione dei cittadini”, “la saviezza del governo”, con il compito di realizzare la “pubblica felicità”.

FESTA TRICOLORE 7 GENNAIO 2019

E’ l’immagine di una generazione di patrioti, in gran parte giovani, che nel contesto storico di un Paese da sempre diviso, e ancora ben lontano dall’unità della nazione, riesce a farsi spingere da un sogno, che non si chiude nel recinto di casa, ma insegue un ideale, in cui la persona, la sua crescita, la sua dignità, viene collocata nell’ambizione di un mondo migliore.

E aggiungo, l’Italia di oggi deve guardare ai momenti migliori e talvolta a quelli più difficili della propria storia, quei passaggi in cui le grandi virtù della nazione hanno messo al centro l’aspirazione ad un sogno comune.

E’ successo il 7 gennaio, è successo nell’antifascismo, è successo con l’elaborazione della Costituzione, è successo quando, sotto la spinta del terrorismo degli anni ’70 o dello stragismo mafioso degli anni ’90, la comunità nazionale e le istituzioni non hanno parlato il linguaggio della divisione, del rancore e dell’odio, ma hanno scelto la mobilitazione collettiva, stimolando il miglior protagonismo civico e intellettuale.

L’Italia in quei passaggi, e in altri ancora, ha scelto e saputo essere una comunità di destino lasciando per un istante da parte ogni forma di divisione, di lacerazione di scontro fine a se stesso.

Reggio Emilia ha sempre vissuto con il giusto orgoglio e la necessaria consapevolezza la responsabilità di essere stata, in quel momento, crocevia fondamentale della Storia del Paese, portando da qui il proprio fondamentale contributo alla costruzione della nazione.

Quella bandiera è da allora punto di riferimento morale dell’unità d’Italia. E’ sempre bene ricordarlo, specie, in un paese in cui la ricerca di simboli e riferimenti unitari non è un esercizio semplice e naturale.

Salutiamo quest’anno con piacere l’arrivo a Reggio Emilia della mostra sulla Costituzione, ospitata presso gli spazi della ex Banca d’Italia, curata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che rappresenta i primi dodici articoli della costituzione e chiude oggi, nella nostra città, un tour che l’ha vista protagonista in dodici città italiane.

Ma un pensiero speciale vorrei portarlo per una grande personalità della storia della nostra città, che forse più di chiunque altro si impegnò perché Reggio Emilia fosse riconosciuta come città fondativa del Primo Tricolore. Un partigiano, deputato, ma sopratutto un grande reggiano che quest’anno per la prima volta non è più con noi: Otello Montanari. A lui dobbiamo tanto, e dobbiamo senza dubbio la riproposizione alla coscienza civica e politica del Primo Tricolore, un percorso che Otello Montanari intraprese con l’Associazione nazionale Primo Tricolore e che portò, anche grazie alla sua convinzione, all’istituzione della Giornata nazionale della bandiera promossa dall’allora Presidente Carlo Azeglio Ciampi. E’ nelle cose che l’impegno di Otello Montanari e dell’associazione possa e debba trovare un suo naturale proseguimento.

Abbiamo davanti un anno importante per l’Europa.

L’Europa è stata per lungo tempo il luogo al mondo in cui libertà politica, coesione sociale e benessere economico hanno trovato il punto più avanzato di equilibrio, garantendo dal ’45 in poi, come mai era accaduto prima, oltre 70 anni di pace.

L’Europa non può diventare “nemica” degli europei.

L’Europa dei popoli e non certo quella dei grandi poteri della finanza è stata a lungo l’utopia di un progetto possibile, la forza di un sogno, di una visione, unitamente alla concretezza di ciò che ha rappresentato il superamento dei confini, l’abbattimento delle distanze, la libertà di viaggiare, di sentirsi a casa in ogni stato europeo, di costruire il proprio futuro nei progetti Erasmus.

L’Europa, nella sua lunga storia, ha ricevuto l’influenza delle tre grandi religioni monoteistiche, la sapienza degli Antichi, della civiltà latina e greca, punto di partenza per la scoperta del Nuovo Mondo, teatro di straordinarie scoperte scientifiche. L’Europa dell’Umanesimo e del Rinascimento, l’ Europa che con il 1789, consegna alla civiltà le fondamenta etiche e morali di quei principi di libertà, eguaglianza e fraternità che sono alla base della nascita graduale dello Stato di diritto.

In tutto questo, l’Europa non è mai stato uno soggetto unico. Come ha scritto Mauro Ceruti, la diversità nell’unità, l’unità nella diversità.

L’uomo europeo è entrato nell’età moderna attraverso l’esperienza della diversità. La diversità non ha impedito l’incontro dei popoli, la loro integrazione, il superamento dei confini. La diversità ha reso possibile la contaminazione culturale e l’espressione creativa nell’imprenditoria, nella scienza, nell’arte, nella musica, nel diritto.

Questo è stata l’Europa, una comunità di destino in cui l’organizzazione unitaria ha fatto incontrare la diversità.

Quando l’Europa ha scelto l’omologazione, l’uniformità, o addirittura la cancellazione della diversità, lì ha fatto Auschwitz, Dachau e i Gulag ed è precipitata nel più profondo degli abissi.

“Teatro delle più grandi atrocità e culla della civiltà contemporanea”, come disse Edgard Morin, il sogno europeo può continuare a vivere se saprà essere consapevole della propria storia, se saprà affrontare le contraddizioni del presente mettendo al centro il futuro della persona, dei popoli, delle giovani generazioni in particolare il destino e la speranza degli strati più fragili e popolari della propria comunità.

Antonio Megalizzi, Valeria Solesin, Giulio Regeni, Fabrizia Di Lorenzo sono simboli e martiri, di una generazione con cui l’Italia è stata poco generosa, una generazione che si è messa in gioco, che ha deciso di crederci fino in fondo, che ha lasciato l’Italia, che ha sognato un mondo migliore. Quei ragazzi si sono trovati nel momento sbagliato, nel posto sbagliato. Sono loro l’anima di una Europa che può continuare ad essere l’utopia di un progetto possibile.

C’è una relazione tra l’Europa e le sue città. Tra comunità locali e comunità globali.

Il paese delle cento città ha ancora una grande riserva di autentico civismo, che sta proprio nella dimensione delle proprie comunità, dove il protagonismo dei cittadini, i legami di solidarietà, il lavoro dei corpi intermedi, il rapporto quotidiano tra tutte le istituzioni tiene viva una idea di collettività, un sistema di valori, un senso di appartenenza.

Carlo Cattaneo ci ricorda quanto, nella storia, le comunità cittadine siano state la “spina dorsale della nazione”.

Non è la prima volta, nella complessa vicenda storica di questo paese, che dai territori arriva quella spinta che genera collante per una intera comunità.

Nelle città contemporanee, forse anche più che in passato, si misura ogni giorno la tensione tra pressioni globali da una parte, e ricerca di significati e identità locali dall’altra; è nelle città che si misura il confronto tra bisogno di sicurezza e bisogno di libertà; tra paure e speranze, tra incontro e contaminazione e rifiuto e separazione. E’ nelle città che si gioca la sfida tra la ricostruzione di legami sociali e di vicinato e il rischio di crescenti fenomeni di solitudine.

Per questo, la capacità di alimentare ogni giorno dialogo istituzionale tra Governo e sistema dei Comuni, qualunque sia il Governo in carica, qualunque sia il decreto o la legge oggetto del confronto, è una condizione fondamentale del buon funzionamento e dell’unità del paese.

Reggio Emilia ha una storia politica e culturale di indubbio spessore. La città del Primo Tricolore, Medaglia d’oro della Resistenza, in prima linea nella fase Costituente. La città dei sette fratelli Cervi e di don Pasquino Borghi. La città di un’imprenditoria straordinaria e di una cultura del lavoro che ha accompagnato ogni momento, dal Dopo Guerra in poi, del cammino di una comunità uscita dalla miseria e dalle macerie della guerra per diventare uno dei territori più prosperi d’Europa.

La città dell’educazione e dei migliori servizi sanitari.

Ho incontrato in questi anni tante persone, note e meno note, in cui il loro impegno quotidiano è sistematicamente orientato al bene comune, al perseguimento di scopi, specialmente sociali, che vanno ben al di là del mero legittimo interesse individuale.

Viviamo un tempo di grandi incertezze e insicurezze che non di rado possono diventare autentiche paure. Abbiamo il compito di dare risposte alle tante insicurezze del nostro tempo, di costruire anche nuove risposte e nuove strategie ad un bisogno diffuso di protezione di tutte le componenti più fragili di una comunità. La sicurezza come ci ha giustamente ricordato il Presidente Sergio Mattarella si realizza con efficacia, preservando, e garantendo i valori positivi della convivenza. La sicurezza è la condizione prima di una esistenza dignitosa e serena. La sicurezza si nutre anzitutto di un bisogno primario di legalità, e della capacità dei cittadini di appropriarsi dei propri spazi, di veder riconosciuto il pieno rispetto delle regole, di sentirsi parte di una comunità.

Reggio non ha mai costruito le ragioni della propria convivenza nell’odio, nell’astio, nella cattiveria. La prevaricazione e la prepotenza del più forte sul più debole non è mai stata un sentimento diffuso e praticato.

Dovremmo essere consapevoli di ciò che siamo stati, nei punti di forza e nelle debolezze, perché cultura del lavoro e della legalità, la solidarietà e l’accoglienza, il valore della fragilità, lo spirito collaborativo del fare insieme, il volontariato sono tutte virtù civiche non non rappresentano tratti di identità politica, ma piuttosto i contenuti antropologici che hanno spinto i reggiani in diverse epoche a liberarsi da chi li opprimeva, a trovare la propria libertà e i propri percorsi di emancipazione, a superare miserie, ma anche ad affrontare le sfide più impegnative degli ultimi dieci anni. Ed è sempre con quello spirito, con lo spirito di Reggio Emilia che la città ha continuato il suo cammino e non si è mai arresa.

Reggio esce dalla crisi con uno dei tessuti manifatturieri più forti del paese. Nei prossimi anni lo sviluppo del sistema universitario nei locali dell’ex seminario, la crescita ulteriore della nostra sanità che porterà presto alla realizzazione del MIRE, l’avvio dei cantieri di importanti investimenti infrastrutturali attesi da lungo tempo. La valorizzazione del sistema culturale, ma al tempo stesso il lavoro quotidiano di ricucitura degli spazi e delle relazioni nei quartieri, la sfida ecologica e la più ampia domanda di protezione sociale. L’unicità strategica della Stazione Av e la sua affermazione, oltre ogni ragionevole aspettativa, è la porta di Reggio verso l’Europa e la grande opportunità della città per essere punto di riferimento del più ampio ambito medio padano.

Sono solo alcune delle sfide che abbiamo di fronte. Reggio ha alle spalle dieci anni difficili. Ed è per questo che anche in questo inedito frangente della storia contemporanea, Reggio deve stare in campo con la propria autonomia, con il proprio protagonismo, con la forza di un proprio autonomo progetto. Vi sono frangenti storici in cui l’identità di una comunità può avere rapide accelerazioni e non vi è dubbio che mai come oggi, da molto tempo a questa parte, misurarsi con la contemporaneità imponga una scelta di visione valoriale che collochi l’esperienza di una comunità come laboratorio originale di sperimentazione di livelli elevati di convivenza e qualità della vita. Perché in fondo, al di là delle diverse idee politiche, culturali, religiose, reggiani siamo e tali resteremo. Un unico popolo.

Reggio ce la può fare, con lo spirito del ragazzi del 7 gennaio, con quel “Fare insieme” che spesso ha reso possibile realizzare sogni in apparenza fuori scala. Lo si può fare “senza inseguire le mode del proprio tempo, ma provando con lungimiranza ad anticipare i fondamentali di un altro tempo””.

 

 

 

 

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *