Ubriachi molesti nei locali pubblici, allarmi a distesa e liti per i petardi nella notte di Capodanno. Liti roventi al 112 dei Carabinieri

1/1/2019 – i carabinieri in servizio al 112 di Reggio Emilia hanno avuto appena il tempo di un rapido brindisi: subito dopo la mezzanotte le linee sono diventate roventi, soprattutto per allarmi di esercizi pubblici, aziende ed abitazioni collegate alla centrale che si sono attivate simultaneamente. La colpa di questi allarmi (falsi) era dovuta, come ogni San Silvestro, ai botti di Capodanno.
Tuttavia non sono mancate le chiamate per litigi nei locali pubbliche, per lo più a causa di ubriachi che disturbavano i clienti, e per liti dovute a petardi fatti esplodere volutamente nei cortili dei vicini di casa.
I carabinieri sono duovuti intrvefnire anche nel caso di una ragazza aggressiva con la madre, e di un marito che ha chiuso la porta a chiave con l’intento di impedire alla moglie, uscita con il figlio, di entrare in casa. In tutti i casi l’acol ingurgitato in vnotevole quantità è stato il vero protagonista dei litigi.
Numerose le telefonate anche per protestare per l’esplosione dei fuochi d’artificio, ma non sono mancate le telefonate per fare gli auguri ai Carabinieri.
PE
r fortuna non si sono registrati casi di ferimenti a causa dei petardi, o quanto meno nessuno si è presentato negli ospedali della provincia per farsi medicare.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *