Richiedenti asilo nella security dei concerti
Falsi decreti prefettizi: quattro arresti

 28/1(2019 -à Dai gommoni partiti dalle coste libiche alla security dei grandi concerti. Ecco una nuova e surreale  vicenda legata allo sfruttamento dei richiedenti asilo.

Con falsi decreti prefettizi utilizzavano “in nero” profughi richiedenti asilo, ma anche nomadi e pregiudicati  per gestire la sicurezza dei “grandi eventi” tra cui i concerti dei Rolling Stones, Depeche Mode e di Vasco Rossi. Sfruttando i richiedenti asilo, sottopagati e impreparati in quanto dotati di falso decreto prefettizio, hanno messo a rischio l’incolumità di centinaia di migliaia di persone. I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Reggio Emilia, sotto il coordinamento del Pubblico Ministero Valentina SALVI, dalle prime ore di questa mattina sono impegnati tra l’Emilia e la Lombardia nell’esecuzione di varie perquisizioni domiciliari e di 4 ordinanze cautelari nei confronti di altrettanti indagati chiamati di rispondere, a vario titolo, dei reati di intermediazione illecita, sfruttamento del lavoro, false attestazione a pubblico ufficiale e falso materiale in autorizzazioni amministrative.

Controlli dei carabinieri a un concerto 

SEGUIRANNO AGGIORNAMENTI.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *