Conflitti d’interesse? Forza Italia difende Salati e ribalta l’accusa sui consiglieri 5 Stelle

30/1/2019 – Forza Italia respinge al mittente l’accusa di conflitti d’interesse lanciata dai 5 Stelle nei confronti di Roberto Salati, candidato sindaco del centro destra a Reggio, in quanto amministratore unico di un consorzio edile.

Per la coordinatrice azzurra Cristina Fantinati a dare spiegazioni sulle loro posizioni professionali dovrebbero essere piuttosto i consiglieri pentastellati Alessandra Guatteri e Norberto Vaccari .

“Se l’accanimento, anche cieco, da parte dei Cinque Stelle contro un avversario politico ormai non stupisce

più – dichiara Fantinsti – a colpirci questa volta è quanto questo sia evidentemente del tutto infondato.
La capogruppo dei grillini in Consiglio Comunale a Reggio Emilia si è scagliata contro il candidato Sindaco
del centrodestra reggiano Roberto Salati accusandolo di avere un conflitto di interessi in quanto
amministratore di un Consorzio che si occupa di lavori edili (e tutti sanno che l’amministrazione comunale
delibera anche in materia di urbanistica e quindi di lavori edili).
La Guatteri, forse spinta dalla fretta e dal ‘pregiudizio di colpevolezza’, sembra però aver dimenticato un
dettagli fondamentale – aggiunge lo a coordinatrice azzurra – e cioè che Roberto Salati non ha mai fatto mistero di tale incarico e di aver garantito
fin da subito di essere in procinto di dimettersi da quel ruolo.
Agli smemorati vogliamo a questo punto rammentare che Salati al momento è ancora solo candidato
sindaco (e siamo certi che sarà un ottimo sindaco per Reggio Emilia), mentre la pentastellata e il suo collega
Vaccari, sono in carica all’interno del consiglio comunale e dovrebbero spiegare meglio la loro posizione in
aziende che a loro volta operano in settori come l’edilizia o che hanno collaborazioni con l’ente pubblico.
Siamo sicuri che il conflitto di interesse non lo abbiano i due del Movimento 5 Stelle? Oppure, tanto per
cambiare, per i pentastellati esistono sempre due pesi e due misure a seconda del loro vantaggio?”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *