Polizia Municipale: dalla Regione 1,5 mln per il nuovo cubo di cemento di via IV novembre

19/12/2018 – Come ampiamente previsto,  Regione Emilia-Romagna finanzierà, con un contributo di 1,5 milioni di euro, la costruzione della nuova sede della Polizia locale di Reggio Emilia in viale IV Novembre, quartiere della stazione centrale, nell’area ‘Enocianina Fornaciari’. Il Comune di Reggio Emilia aveva ì candidato questo progetto al finanziamento attraverso il Bando Rigenerazione, indetto dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito del Piano operativo del Fondo sviluppo e Coesione Infrastrutture 2014-2020, in base alla nuova legge urbanistica regionale.

La conferma delle risorse richieste, deliberate in questi giorni dalla Giunta regionale, – annuncia il Comune – “consente di confermare il quadro economico (per complessivi 6,5 milioni di euro) e le tempistiche programmate dall’Amministrazione comunale, che intende avviare i lavori entro il 2019”.

Con questo progetto il comune sposta il quartier generale della Municipale nel cuore del quartiere più caldo di Reggio Emilia, dal punto di vista della sicurezza e della criminalità, peraltro a soli cento metri dalla Questura e dal Reparto regionale prevenzione crimine: un progetto faraonico (oltre 2.500 metri quadrati coperti in tre piani fuori terra, più altri 2 mila metri quadrati e passa di piano interrato, per una spesa superiore ai sei milioni di euro) la cui utilità viene messa da più parti in discussione. Soprattutto un progetto, a giudicare dal rendering ufficiale, di smagliante bruttezza: un parallepipedo di cemento che fa il paio con quello (peraltro più più piccolo) che deturpa i chiostri di san Pietro. Se non altro in via IV novembre non vi sono mura rinascimentali al quale addossarlo.

Il rendering ufficiale della nuova sede della Municipale in zona stazione a Reggio Emilia

“Non possiamo che essere soddisfatti di questo risultato – afferma il sindaco Luca Vecchi – Un grazie va alla Regione per la valutazione della proposta e per il finanziamento accodato, che rende la nostra azione a tutti gli effetti concreta ed efficace: possiamo dire che da oggi la nuova sede della Polizia locale ‘approda’ in zona stazione. Vecchi, già in campagna elettorale, non rinuncia a una frecciata verso i comitati e ki cittadini critici nei confronti della sua amministrazione: “Mentre altri fanno propaganda, l’Amministrazione comunale mette in campo soluzioni concrete per venire incontro ai cittadini e trovare risposte ai problemi”.

AREA E BENI IMMOBILI – L’area dell’Enocianina, prospiciente viale IV Novembre, non ha raccolto l’interesse di investitori, nonostante sia stata proposta più volte alla vendita giudiziaria all’asta. Il Comune – valutata positivamente quest’area rispetto alle finalità perseguite – otterrà l’area attraverso una procedura di esproprio per interesse pubblico.

Si prevede che il Comune entrerà nel pieno possesso dell’area la prossima primavera. Le strutture dell’Enocianina Fornaciari saranno demolite. La sede attuale della Polizia locale, in via Brigata Reggio, sarà invece venduta una volta ultimata e resa funzionante la nuova sede.

COME SARÀ – All’area della nuova sede della Polizia locale si potrà accedere da due ingressi: il pubblico da viale IV Novembre e il personale da un percorso connesso a via Turri. I mezzi di servizio potranno accedere all’occorrenza da entrambi i varchi, con priorità da viale IV Novembre. Gli spazi esterni intorno alla sede saranno organizzati in modo da separare i flussi del pubblico da quelli del personale dipendente, distinguendo i relativi accessi e spazi a parcheggio.

L’edificio  sarà distribuito su tre piani fuori terra, per un totale di circa 2.460 metri quadrati e un piano interrato di circa 2.135 metri quadrati. Sono previsti 43 uffici e 101 postazioni di lavoro.

I cittadini che accedono alla struttura da viale IV Novembre sono accolti in uno spazio con i servizi diretti per il pubblico e con una coppia di collegamenti verticali (ascensore e scale) per gli uffici dei livelli superiori. Al piano terra si trovano quindi i Front office per l’espletamento delle operazioni di sportello e le informazioni; in successione si sviluppano gli uffici di competenza.

Ai piani superiori si trovano, fra gli altri, gli uffici del Comando, della Centrale operativa, degli operatori e ispettori di Polizia municipale; altri uffici centrali del Comando quali i nuclei di Polizia giudiziaria e Antidegrado, i Reparti operativi, gli uffici Infortunistica, Contenzioso, Atti giudiziari, Verbali, Videosorveglianza, Controllo varchi, Commercio, Segreteria di Protezione civile, Formazione del personale, Celle e Saletta fermati.

Nel piano interrato trovano posto, fra l’altro, l’Archivio, gli impianti tecnologici, i diversi Servizi per il personale e l’Autorimessa dei mezzi di servizio, che occuperà un’ampia parte dell’interrato (1.150 metri quadrati).

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *