“Gianluca torna tra noi”
Vinci querela De Lucia per il video in Sala del Tricolore

18/12/2018 – Il deputato della Lega Gian Luca Vinci, che è anche consigliere comunale a Reggio Emilia ha annunciato querela nei confronti del consigliere Pd Dario De Lucia, già noto per le sue sparate spesso offensive nei confronti degli avversari politici,  che su Facebook si è esibito in un video nei confronti di Vinci, trattandolo da desaparecido  per le sue assenze da Sala del Tricolore.
“Non ti vediamo da sei mesi – dice De Lucia col tono da Chi l’ha visto? – torna Gianluca, torna tra noi“.

Dario de Lucia durante la sua video performance in Sala del Tricolore

Il fatto è che il video, peraltro di scarso effetto satirico, è stato girato nella solennità di Sala del Tricolore, dove in base a un editto della presidente Caselli, fra l’altro in spregio alla libertà di cronaca, è necessaria un’autorizzazione prima di scattare fotografie o girare video.  A Vinci, tirato per i capelli, sono girati i santissimi tanto da annunciare l’intenzione di trascinare De Lucia in tribunale, respingendo sdegnosamente l’accusa di assenteismo. Del resto non è facile conciliare Sala del Tricolore, Montecitorio e segreteria emiliana della Lega.
“Capisco che il consigliere PD De Lucia stia ormai raschiando il barile, non sapendo più cosa inventarsi pur di apparire sui giornali, ma a tutto c’è un limite. Innanzitutto quello del rispetto della verità. Dichiarare pubblicamente una mia assenza ininterrotta alle riunioni del Consiglio comunale di Reggio Emilia, quando in realtà sono presente, significa dichiarare il falso. Un atto dunque tanto grave quanto lesivo della mia onorabilità e – scrive Vinci – pertanto la verità verrà appurata in tribunale visto che lunedì scorso ero in Consiglio mentre lui era assente. Lo sanno tutti di cosa è capace De Lucia. Ma un conto è sposare con tanto di scolapasta in testa nella storica Sala del Tricolore due cosiddetti ‘pastafariani’, un altro è mentire sapendo di mentire agli organi di stampa”.

Interviene anche la consigliera di Fratelli d’italia Roberta Rigon, che ha presentato un’interrogazione per sapere “chi ha autorizzato De Lucia a utilizzare sala del Tricolore e a fare le riprese all’interno di essa”

“Dario De Lucia crede di essere simpatico usando Sala del Tricolore per iniziare la propria campagna elettorale? Non fa nemmeno satira, fa solo pena! – afferma rigon –
Già in passato ha dato prova del suo rispetto nei confronti di Sala del Tricolore celebrando un c.d. “matrimonio pastafariano” in cui si sono visti scolapasta indossati come copricapi, ma, adesso, con quest’ultima prodezza ha veramente superato se stesso. Soprattutto ha superato il ruolo istituzionale che ricopre proprio in seno a Sala del Tricolore. Capisco che il rispetto per il Tricolore sia un concetto che a qualcuno sfugge – aggiunge Rigon –  capisco anche la smania del consigliere di apparire, la continua ricerca di un palcoscenico degno della sua levatura culturale, ma abusare di Sala del Tricolore per tentare di fare il simpatico proprio non è accettabile.
Ho presentato un’interrogazione perché voglio sapere chi l’ha autorizzato ad utilizzare Sala del Tricolore e a fare le riprese all’interno di essa.
Vorrei anche conoscere il giudizio di Sindaco e Giunta – conclude – nei confronti di questa sceneggiata triste e offensiva per la città di Reggio Emilia”.
Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *