Parcheggio ex-Zucchi, cassa e sbarre sequestrate. Intanto la sosta, di fatto, è gratis

5/12/2018 – Intorno alle 12 di mercoledì  una squadra di operai è entrata nel parcheggio ex-Zucchi, alle spalle della sede universitaria di viale Allegri a Reggio Emilia,  e ha smantellato gli impianti tecnologici del parcheggio stesso: sbarre e casse automatiche sono state  portate via. Si tratta di un sequestro si richiesta della società Apcoa, che sino alla fine del 2014 aveva gestito il parcheggio, alla quale una sentenza del tribunale di Reggio emilia ha riconosciuto la proprietà degli impianti.

L’operazione è andata avanti sino alle 14, sotto lo sguardo un po’ smarrito di alcuni africani che hanno visto sfumare la possibilità di chiedere l’obolo agli automobilisti che pagano il ticket.

Perchè, in conseguenza di questa operazione, alla ex-Zucchi si parcheggia gratis sino a nuovo ordine. Sino a quando cioè il concessionario, la Reggio Emilia Parcheggi di Filippo Lodetti Alliata non avrà installato nuove sbarre e nuove casse.

Il parcheggio ex Zucchi senza le sbarre, appena smantellate

Apcoa è la società che sino a fine 2015 era titolare delle concessione. Con una mossa a sorpresa, ancora oggi avvolta nel mistero, e “benedetta” da una lite memorabile in piazza della Vittoria, la notte di San Silvestro, lite per la quale erano intervenuti i carabinieri, il Comune di Reggio aveva revocato la concessione ad Apcoa per affidarla alla Rep di Lodetti Alliata, in quel momento in grosse difficoltà finanziarie causa l’impegno del park Vittoria  e quindi bisognosa di denaro cash come, appunto, gli introiti giornalieri di un parcheggio pubblico.

Il parcheggio ex Zucchi

Il parcheggio Zucchi è sì gestito dalla Reggio emilia Parcheggi di Lodetti alliata, sulla base di una censsione del comune di Reggio, tuttavia le attrazzature tecnologiche erano ancora di proprietà di Apcoa: così almeno ha stabilito una sentenza del Tribunale di Reggio, su cui peraltro Lodetti Alliata ha interposto appello.

Intanto la setnenza è stata eseguita con il sequeswtro giudiziario delle attrezzature e la “liberazione” del parcheggio Zucchi. Filippo Lodetti Alliata assicura che antro pochi giorni (ma ci vorrà forse più di una settimana) saranno installate nuove casse e nuove sbarre. Nel frattempo si provvede con degli esattori anche se – ammette il patron della holding Final – “è complesso controllare un parcheggio così grande”.

 

Cassa smantellata al parcheggio Zucchi

L’effetto collaterale è per il momento, favorevole agli automobilisti reggiani che da oggi possono usufruire del parcheggio a ridosso del centro senza pagare. Un bel regalo di Natale anche per i commercianti. Naturalmente si apre un serio problema di sorveglianza. Gli sviluppi alla prossima puntata.

La capogruppo dei 5 Stelle in consiglio comunale, Alessandra Guatteri è stata testimone dello smantellamento e per questo annuncia  un’interrogazione al sindaco Luca Vecchi.

“Questa mattina, passando casualmente dal Park Zucchi – scrive Guatteri –  la sottoscritta e l’avvocato Rossella Ognibene ci siamo accorte che personale stava smontando tutti gli apparecchi che servono per il pagamento dello stesso parcheggio e di conseguenza automobili uscivano senza pagare. Ci siamo avvicinate alle persone che smontavano le attrezzature elettroniche, le quali ci hanno riferito che avevano ricevuto ordine di smantellare le apparecchiature.

Gli operai portano via la cassa automatica

Sul tema presenteremo immediata interrogazione urgente al Comune per sapere che cosa sta succedendo al Park Zucchi.
Vogliamo trasparenza da parte di Vecchi e della sua Giunta, trasparenza ad oggi mancata dal momento – conclude Guatteri – che sono 4 mesi che non risponde ad una interrogazione sulla situazione di Reggio Emilia Parcheggi”.
Risulta fra l’altro che il secondo piano interrato del Park Vittoria sia sempre chiuso, perchè ancora privo di autorizzazione delle competenti autorità.
Condividi

Una risposta a 1

  1. Fausto Poli Rispondi

    06/12/2018 alle 21:29

    Amministrazione alla fantomas..
    ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *