Punto nascite, “Bonaccini datti da fare”. Bini strattona il governatore: “L’orientamento del ministero è cambiato”

26/11/2018 – L’orientamento del ministero della Salute sui punti nascite in montagna è “cambiato”, come attesta la riapertura del punto nascite di Cavalese e “il dibattito aperto in Campania”.

Di conseguenza, è il momento che il presidente della Regione Bonaccini e l’assessore alla salute Venturi intervengano concretamente con una nuova richiesta di deroga per il Sant’Anna di Castelnovo Monti.

E’ quanto afferma il sindaco di Castelnovo Monti e presidente dell’Unione comuni dell’Appennino, Enrico bini, che traccia un bilancio degli “importanti contatti”  andati avanti  col Ministero della Salute con l’obiettivo, appunto,  della riapertura del punto nascite di Castelnovo Monti.

“Ho avuto modo di confrontarmi con alcuni funzionari del Ministero della Salute con i quali sono entrato in contatto grazie ad iniziative organizzate dalla Federazione delle Aree Interne – spiega Bini – in cui si è discusso di benessere, salute e servizi. Mi è stato confermato che c’è molto fermento su tutto il territorio nazionale, in particolare da parte dei territori che rientrano nella Strategia Nazionale Aree Interne come l’Appennino reggiano, per evitare la chiusura dei punti nascita dove è stata preannunciata, e per riaprire diversi già chiusi.

Le difficoltà emerse su questi territori sono sempre le stesse, quelle che caratterizzano anche il crinale reggiano, ovvero la distanza elevata tra le borgate periferiche e gli ospedali cittadini, il forte disagio orografico, la variabilità delle condizioni meteo che incidono sui tempi di percorrenza.

Va però detto, e su questo è arrivata anche la conferma degli stessi funzionari, che sul tema sono attive in particolare le Regioni, nel chiedere di ridiscutere la normativa emersa dalla Conferenza Stato Regioni del 2010 che ha fissato il numero minimo di 500 parti annui, ma anche con richieste di rivedere decisioni già prese sulla chiusura dei servizi”.

L’ultimo caso è il dibattito, per la verità ancora poco chiaro – specifica Bini –  “che si è aperto in Campania, che segue comunque di poco tempo la rapida riapertura del punto nascita di Cavalese, richiesto dalla Provincia autonoma di Trento e autorizzata in breve dal Comitato nazionale percorso nascita: in questo caso il punto nascite dovrebbe ripartire con la propria attività a inizio dicembre.

Credo vada colto questo cambio di atteggiamento da parte del Ministero e questa attenzione che viene dimostrata verso i territori disagiati dal punto di vista geografico – aggiunge il sindaco di Castelnovo Monti –  Per quanto mi riguarda continuerò a portare avanti attraverso i canali istituzionali nei quali siamo coinvolti, come la Federazione delle Aree Interne, azioni che possano portare a una revisione della chiusura di Castelnovo Monti, e in particolare all’attivazione di progetti sperimentali che possano essere applicati nei territori che fanno parte della Strategia Aree Interne, ma chiedo nuovamente  alla Regione Emilia-Romagna, al Presidente Stefano Bonaccini e all’Assessore Sergio Venturi, come già fatto nella lettera inviata lo scorso 12 ottobre (ancora in attesa di risposta), se hanno la possibilità e ancor più l’intenzione di avanzare proposte per la revisione dei parametri riguardanti il mantenimento dei punti nascita in territori disagiati, e in quest’ambito di predisporre una nuova richiesta di deroga per il punto nascite di Castelnovo Monti, basata su una documentazione precisa e inoppugnabile, che possa portare alla ripresa del servizio con tutti i parametri di sicurezza necessari nell’interesse della comunità dell’Appennino.

Un tema che credo dovrà essere discusso anche nell’ambito di una revisione dei servizi sul territorio provinciale che ripristini il criterio degli ospedali principali collocati a Reggio, Castelnovo Monti e Guastalla che per anni ha funzionato perfettamente. Revisione che dovrà prendere in considerazione anche il quadro regionale degli ospedali che avevano ottenuto una deroga temporanea lo scorso ottobre, Scandiano, Mirandola e Cento, i quali tra l’altro sono in zone che non possono essere definite disagiate dal punto di vista oro-geografico e quindi tra un anno si troveranno a dover rispondere al parametro minimo di 1000 parti annui”.

Bini conclude ricordando “che la situazione attuale riscontra anche un evidente ritardo nella realizzazione del nuovo MIRE, e il venir meno di punti nascita sul territorio sta mettendo il reparto al Santa Maria Nuova di Reggio sotto forte pressione”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *