Il comandante della Legione Carabinieri, generale Domizi, in visita a Reggio Emilia

19/11/2018 – Il Generale di Brigata Claudio Domizi, comandante della Legione Carabinieri “Emilia Romagna” di Bologna, ha fatto visita al Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Emilia dove è stato ricevuto dal comandante provinciale, il colonnello Cristiano Desideri.

Nel corso della stessa mattinata, il generale ha incontrato le massime autorità della Provincia, tra cui il Prefetto di Reggio Emilia Maria Forte, il presidente del Tribunale di Reggio Emilia Cristina Beretti, il Procuratore Capo di Reggio Emilia Marco Mescolini ed il sindaco Luca Vecchi.

Il generale Claudio Domizi

Ha inoltre incontrato gli ufficiali del Comando Provinciale e dei Carabinieri Forestali, tutti i comandanti delle 39 Stazioni del Comando Provinciale, i militari dei Reparti del Comando Provinciale, i militari della rappresentanza militare ed una delegazione delle sezioni dell’associazione nazionale carabinieri in congedo, esprimendo soddisfazione per i risultati conseguiti dall’Arma della Provincia ed evidenziando l’importanza dell’etica e del comportamento del Carabiniere in ogni sua situazione.

Il generale Domizi con i Carabinieri in congedo e il colonnello Desideri

Ha avuto parole di  plauso la soluzione senza conseguenze della vicenda del sequestro dei dipendenti dell’ufficio postale di Reggio Emilia da parte di Alfredo Amato, condannato a 19 anni in primo grado nel processo Aemilia.

Il generale Domizi con i Carabinieri delle stazioni del reggiano

Il Generale di Brigata Claudio Domizi, 56 anni, originario di Roma, già a capo del Reparto Territoriale di Napoli e del Comando Provinciale di Messina e con numerosi incarichi di comando ricoperti nell’ambito degli uffici del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieriha preso possesso del suo nuovo incarico di comandante delle Legione Emilia Romagna il 24 settembre, proveniente dal I° Reparto del Comando generale dell’Arma dei Carabinieri da lui comandato per circa due anni.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *