Allerta sicurezza in Tribunale
“Via le auto intorno al palazzo”
Ordinanza del Comune su richiesta del Questore

27/11/2018  – Allerta sicurezza in tribunale. Non si spiega diversamente l’ordinanza emessa oggi poco dopo le 13 dal Comune di Reggio Emilia, e immediatamente esecutiva, per vietare la sosta intorno a palazzo di Giustizia.

L’ordinanza è firmata dal dirigente David Zilioli. Ne dà notizia con una nota di poche righe lo stesso Comune, limitandosi a comunicare che il divieto scatta da oggi sino a nuovo ordine in via Borsellino (tutta la via), in via Falcone negli stalli che costeggiano il perimetro del Palazzo di Giustizia, e in via Paterlini nella prima fila di stalli di sosta prospicienti l’ingresso principale dello stesso palazzo. 

 

Tuttavia nell’ordinanza si legge che la richiesta è arrivata dalla Questura “in merito alla necessità di innalzare il livello di sicurezza del palazzo di Giustizia”. La decisione potrebbe spiegarsi con l’esigenza di garantire  protezione dei giudici del processo Aemilia, di fronte a minacce o al rischio reale di attentati: il presidente del tribunale Cristina Beretti, il presidente del collegio Caruso (oggi alla guida del tribunale di Bologna) e il giudice Andrea Rat, oltre che del procuratore capo Mescolini che ha coordinato l’inchiesta Aemilia e ha sostenuto l’accusa al processo insieme alla collega Beatrice Ronchi.

L’ordinanza è tassativa, con deroghe limitate: “La sosta – comunica palazzo Civico – sarà consentita negli stalli in via Paterlini, in deroga ai divieti, esclusivamente ai mezzi delle Forze dell’ordine e dei Vigili del fuoco, alle ambulanze e ai disabili”.

In serata la Questura ha comunicato che l’innalzamento del livello di sicurezza di Palazzo di Giustizia è stato deciso nella riunione del  Comitato ordine e sicurezza pubblica riunito questa mattina in Prefettura, ma senza altre spiegazioni. Il dispositivo di vigilanza sarà garantito da polizia, carabinieri e anche dalla Municipale di Reggio.

La presidente del Tribunale Cristina Beretti

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *