Fiere di Reggio, le condizioni di Terminal One: “Road map per la vendita, chiarezza su scadenze e procedure”

2/10/2018 – Terminal One conferma la volontà di partecipare alla gara per la gestione 2019 di Fiere di Reggio, ma chiede come condizione alla commissaria giudiziale Tiziana Volta una road map sulla vendita del complesso fieristico, con la garanzia che il prossimo sarà l’ultimo anno di gestione in affitto. In sostanza la società di imprenditori, nel 2018 garantisce l’operatività di via Filangieri, chiede chiarezza su modalità tecniche, scadenze e procedure relative alla vendita. Chiarezza che, evidentemente, sino ad oggi è mancata e viene posta per l’ennesima volta come condizione per partecipare alla gara per l’affitto 2019.

Fra l’altro, in sei anni di procedura i creditori non hanno ancora visto un centesimo, mentre sono stati pagati i professionisti, oltre agli onorari e alle spese della liquidazione.

Terminal One è la cordata imprenditoriale che si è aggiudicata la gestione 2018 con l’obiettivo di concorrere all’acquisto dei padiglioni e dei terreni con relative volumetrie edilizie. Il relativo bando, secondo quanto scritto dalla liquidatrice Tiziana Volta, è in via di pubblicazione, con l’obiettivo di concludere la vendita entro il 2019.

Le fiere di Reggio viste dal ponte di Calatrava

IL COMUNICATO DI TERMINAL ONE

In merito alla situazione attuale delle Fiere di Reggio, e alla pubblicazione dell’invito a partecipare alla gara per l’affitto del ramo d’azienda per l’annualità 2019, interviene con una nota il CDA di Terminal One, società che gestisce il comparto con contratto di affitto fino al 31 dicembre 2018.

In attesa di decidere se partecipare alla nuova gara d’affitto d’azienda per l’annualità 2019, chiediamo maggiore chiarezza rispetto alle modalità ed alle tempistiche della procedura competitiva di vendita delle Fiere di Reggio, in quanto al momento non viene ancora fornita alcuna indicazione precisa, al di là di una sorta di auspicio di arrivare a concluderla entro il 2019.

Guido Prati (presidente di Terminal One) a sinistra, con Luca torri, a.d. Stu Reggiane

Stanti le nostre ripetute richieste di avere tempi certi per arrivare a una situazione più chiara sul futuro del comparto, che riteniamo siano di estremo interesse non soltanto per Terminal One, ma anche per qualsiasi soggetto interessato a partecipare alla procedura competitiva per la vendita, vorremmo venisse resa pubblica una road map con tempistiche precise e la garanzia che il 2019 sia l’ultimo anno in cui si opererà in regime di affitto.

Come abbiamo avuto modo di evidenziare in più occasioni, gestire le Fiere di Reggio con una scadenza a così breve termine rappresenta una fortissima limitazione nell’operatività e nelle possibili azioni di rilancio del comparto fieristico, obiettivo che non è solo rilevante per i gestori, ma anche per la comunità e l’economia reggiana in generale.

Nell’ambito della nostra esperienza di quest’anno, nonostante il prevedibile e rilevante squilibrio fra costi e ricavi, i risultati degli eventi sono stati incoraggianti.

Purtroppo ci siamo trovati frequentemente nella condizione di non potere soddisfare le richieste di espositori e organizzatori di eventi interessati a realizzare a Reggio Emilia una programmazione pluriennale e ad operare in un complesso immobiliare vetusto che necessita di investimenti rilevantissimi per essere adeguato alle attuali necessità di mercato.

Terminal One ribadisce il proprio interesse a partecipare alla gara competitiva per l’acquisto delle Fiere, nell’ambito di una procedura chiara di cui siano definite fin da subito le modalità tecniche e le scadenze”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *