Bonifica: il listone stravince nel deserto della partecipazione. I risultati

1/1/2018 – Il listone di Bonifica e Ambiente (Coldiretti, Cia, Confagricoltura e industriali) ha stravinto, si fa per dire, le elezioni della Bonifica Emilia Centrale dove in una settimana di seggi aperti hanno votato 8 mila 181 elettori su 252 mila 121 aventi diritto, pari al 3,24%.

  • Con 7 mila 229 voti raccolti nelle 4 sezioni, il listone conquista una maggioranza schiacciante nel cda: 20 consiglieri. Due i consiglieri attribuiti alla lista Obbiettivo Diga – sostenuta anche dalla Lega – e uno agli ambientalisti di Cangiari col supporto di esponenti 5 Stelle (ma a titolo personale).

    L’ingresso della direzione del consorzio Bonifica Emilia Centrale, in via Garibaldi a Reggio Emilia

  • Per il compromesso storico voluto dall’assessorato Simona Caselli è comunque una vittoria di Pirro, avvenuta nel deserto della partecipazione e della sfiducia, grazie anche a un meccanismo elettorale che, nel lodevole intento di eliminare le falle che in passato hanno permesso brogli e mercato delle deleghe, ha finito per ridurre l’affluenza alle urne, aumentando quindi lo scarto già elevato in partenza  tra voto per testa e voto per censo. Basti pensare che nella sezione 4 (quella dei contribuenti sopra i 2 mila euro l’anno) 288 votanti, in pratica lo 0,11% del corpo elettorale, hanno eletto 5 consiglieri pari al 25% del cda.
  • Ecco i voti conseguiti dalle tre liste ammesse al voto:
  • LISTA BONIFICA AMBIENTE 7 mila 229 voti, di cui 3 mila 298 nella sezione 1, 2 mila 635 nella sezione 2, 1,038 nella sezione 3 e  258 nella sez. 4;
  • LISTA OBBIETTIVO DIGA  252  nella sez. 2 e 30 nella sezione n.  4: totale 272 voti;
  • LISTA PROGETTO AMBIENTE, presente nella sezione 1:  284 voti;
  • LISTA  BONIFICA INSIEME: 183 voti di cui 56 nella sezione 1, 74 nella sezione 2 e 53 nella sezione 3.
  • I voti nelle sezioni 1 e 2

  • Comunque una delusione non da poco per Coldiretti, che puntava a conquistare la maggioranza con i suoi candidati: secondo i primi conteggi,  sui 20 consiglieri eletti da Bonifica e Ambiente solo 9 sarebberp targati Coldiretti, contro 11 delle altre associazioni di Agrinsieme. Il commissario Assuero Zampini non è precisamente contento.
  • I voti nelle sezioni 3 e 4

  • La nomina dei nuovi Consiglieri eletti avverrà, a termini di statuto consortile – precisa la direzione della Bonifica –  “alla luce delle necessarie verifiche eseguite dal
    Commissario e dagli uffici competenti nei termini previsti dallo Statuto”.
Be Sociable, Share!

3 risposte a Bonifica: il listone stravince nel deserto della partecipazione. I risultati

  1. Susanna Rispondi

    01/10/2018 alle 15:43

    Praticamente ….solo “essi”e poco altro..😇

  2. loris Rispondi

    01/10/2018 alle 17:55

    Elezioni ridicole, poca informazione , meccanismo di voto per censo assurdo, sito online, per verificare seggio e giorno di voto, non funzionante.
    Mi pare evidente che per chi ha organizzato tutto ciò, questo meccanismo andava bene; meno persone votano meglio è per chi deve controllare.

    • Fausto Poli Rispondi

      07/10/2018 alle 14:55

      Bravo !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *