Guatteri chiude al centrodestra: “Non li voteremo mai”. Vinci replica: “Perdono lucidità, Reggio vuole il cambiamento”

19/9/2018 – Mancano ancora parecchi mesi alle elezioni comunali di Reggio emilia (primavera 2019), e già il clima politico si è surriscaldato.

A scuotere i partiti da un pigro attesismo è stato il neo deputato Gianluca Vinci, che alla festa della Lega all’agriturismo La Prateria di Bagno ha convocato gli stati maggiori del centro destra (Forza, Italia, Fratelli d’Italia e naturalmente Carroccio reggiano) per annunciare la decisione di correre insieme, per la prima volta, alle prossime elezioni di Sala del Tricolore. Esclusa in partenza, per incompatibilità quasi genetica, l’alleanza con i 5 Stelle, alleanza che pure avrebbe in tasca la vittoria. Alla nostra latitudine il rito romano, con l’inedito governo gialloverde, non funziona.

Il deputato Gianluca Vinci alla festa della Lega, mentre presenta l’alleanza del centrodestra

Dopo qualche giorno il Carlino Reggio ha intervistato la capogruppo 5 Stelle

Alessandra Guatteri

Alessandra Guatteri  che ha definito il centro destra “accozzaglia di partiti” e ha annunciato che in caso di ballottaggio i 5 Stelle non voteranno il centro destra.

Oggi ha replicato la Lega, sottolineando come l’opzione politica dei 5 Stelle, ora, sia scoperta.

Gianluca Vinci, deputato e segretario della Lega Emilia, oltre che regista del’operazione centro destra unito, sottolinea che “a giugno la proposta unitaria di Lega e Centrodestra è risultata vincente nei capoluoghi toscani da sempre ritenuti feudi inespugnabili della Sinistra, ha gettato scompiglio nel PD locale e a spinto il Sindaco Luca Vecchi ad auto ricandidarsi”. Ma “pari agitazione appare esservi tra altri politici locali, e la dichiarazione di oggi della Capogruppo M5S in Consiglio Comunale a Reggio, Alessandra Guatteri,  lo mostra con chiarezza”.

La festa della Lega a Bagno

Perchè “dire  “se la Lega andrà al ballottaggio, vincerà il PD, i nostri elettori non si piegheranno alla coalizione di destra”, significa aver perso la lucidità politica di capire che i cittadini reggiani vogliono il cambiamento. Preannunciare oggi che gli elettori M5S “non si piegheranno alla coalizione di destra” preferendo mantenere il PD con Luca Vecchi Sindaco di Reggio, dando il voto al PD o astensione poco cambia, dà l’idea della ideologia di Sinistra che pervade l’attività politica di Alessandra Guatteri, ma non certo tutto l’elettorato che nel prossimo maggio voterà al primo turno M5S”.

“Alla luce di questa dichiarazione appare ancor più inconsistente la proposta elettorale M5S su Reggio. La Guatteri dichiari che partiranno dalla Sicurezza, tema in cui certo non possono competere con la Lega, specialmente se preferiscono il PD a noi, appare quindi chiaro come sia bastato far vedere la concretezza della nostra proposta per creare ansia tra chi pensava Reggio un baluardo della Sinistra e cerca consenso solo da quella parte. Noi siamo differenti, lavoriamo per mandare a casa il PD”.

“La Lega non scende a patti con chi preferisce il PD – conclude Vinci –  con chi in Consiglio Comunale ha votato in più occasioni a favore o si è astenuto su provvedimenti proposti dal PD, noi combatteremo per il vero cambiamento, e in nessun caso diremo mai di votare il PD, che per noi rimane il vero problema del degrado di Reggio”.

FRATELLI D’ITALIA: I 5 STELLE NON HANNO NESSUNA VOGLIA DI CAMBIARE

“In seguito alle dichiarazioni del consigliere Alessandra Guatteri non possiamo che rimanere stupiti da quanto espresso. Si dimostra, innanzitutto con il linguaggio definendoci “accozzaglia di partiti”, quanto non si sia in grado di comprendere che i partiti di centrodestra non per opportunità ma bensì per visione politica e di idee condivisa hanno deciso di formare una alleanza che sappia dare un preciso programma unitario che confidiamo sarà di sicuro interesse per il rilancio per la città . E con questo ci vogliamo presentare agli elettori.
Continua il suo dileggio definendo Forza Italia il vecchio e Fratelli d’Italia il passato, segno di chiusura nei confronti di chi fa politica e desidera offrire proposte per questa città . Se il desiderio dei grillini è quello di ritornare ai tempi dei “vaffa” day facciano pure, siamo lieti di avere linguaggi diversi. Anche perché ormai è evidente da quanto esternato che non c’è davvero la volontà di cambiare ma solo di attaccare: come dichiara Alessandro Aragona “la consigliera Guatteri ammette con largo anticipo che in caso di ballottaggio PD-CDX non farà votare centrodestra. Il M5S a Reggio Emilia è per il mantenimento dello status-quo. Reggiani prendete nota” .
D’altronde come fa giustamente notare la nostra consigliera Roberta Rigon “i voti, o il recente cambio di voto, in sala del Tricolore parlano chiaro”.
Noi siamo sicuri che i reggiani che desiderano un vero cambiamento sapranno a chi dare il voto. A noi spetta lasciare al tempo che trovano queste esternazione di bassa caratura e dare una opportunità seria e concreta per una nuova amministrazione per tutti coloro che hanno a cuore questa città”. Giuseppe Manzotti, coordinamento provinciale FdI

Condividi

Una risposta a 1

  1. Umberto Rispondi

    19/09/2018 alle 20:41

    …..certi STATI MAGGIORI, …sono MINORI…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *