Cade dal trattore nel bosco
Muore rifugiato del Gambia

26/9/2018 – Tragedia sul lavoro in Appennino. Questa mattina alle 8,25,  durante il taglio di un bosco nel comune di Casina, in località Casa Masello, è morto un giovane gambiano di 27 anni, Buba Darbae, rifugiato o richiedente asilo inserito in un piano di accoglienza della cooperativa Dimora d’Abramo e da due anni viveva a Felina insieme ad altri richiedenti asilo africani.

Era impegnato insieme ad altri giovani nei lavori di taglio e di pulizia del bosco curati da una ditta di Grassano, in comune di San Polo. Non è chiaro al momento se la vittima fosse dipendente della ditta o della Dimora d’Abramo e non sono chiare le dinamiche dell’incidente, e se il giovane avesse protezioni adeguate.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i soccorritori del 118 e i tecnici del servizio Prevenzione e Sicurezza ambienti di lavoro dell’Ausl di Reggio Emilia.

Il trattore da cui è caduto il rifugiato gambiano

Il giovane è morto nella caduta da un trattore, guidato da una seconda persona. Testimone della tragedia un amico, che si trovava a pochi metri di distanza: il mezzo procedeva in pendenza, Buba ha perso l’equilibrio ed è caduto battendo con violenza la testa al suolo. Sarebbe morto sul colpo.

“Siamo profondamente colpiti e addolorati per la tragica scomparsa di Buba Darbae, giovane che nei due anni di permanenza nel nostro territorio si era sempre distinto per impegno, serietà, desiderio e capacità di inserirsi nelle comunità in cui ha vissuto”: con queste parole la cooperativa Dimora d’Abramo espresso  il cordoglio per la morte del giovane africano.
“Sulle circostanze del tragico incidente – ha aggiunto la cooperativa l – stanno indagando gli inquirenti; per parte nostra non possiamo che esprimere il profondo dolore per questa perdita e il cordoglio degli amministratori e di tutti gli operatori della nostra cooperativa, ricordando Buba come ragazzo esemplare, fortemente impegnato in un percorso scolastico che lo aveva portato ai più alti livelli tra quanti, giungendo nel nostro territorio, vedono proprio nello studio il primo elemento di integrazione. Con commozione ci stringiamo alla famiglia, con la quale stiamo stabilendo i necessari contatti, e siamo vicini a tutti coloro che con Buba hanno condiviso amicizia e affetto”.

IL CORDOGLIO DEL SINDACO DI CASINA

“Vicinanza e grande cordoglio del Comune di Casina, ma anche di tutta la comunità dell’Appennino che, oggi, piange un ragazzo di 27 anni morto sul lavoro”. Così Stefano Costi, sindaco di Casina, commenta la tragedia di Buba Darbae.
“Poco importa che fosse un rifugiato di un altro paese, quello che colpisce è che oggi perdiamo un giovane con la vita davanti, così lontano dai propri affetti e che, come altri, sognava una vita migliore. E’ la vita di uno dei tanti ragazzi della montagna”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *