Rapina violenta in un bar di Reggio: il delinquente catturato in Svezia

31/8/2018 – Le indagini della  Squadra Mobile di Reggio Emilia, coordinate dal sostituto procuratore Rita Pantani, hanno permesso sdi  rintracciare ed arrestare, in Svezia, Nicola Lupoli,  tarantino di 43 anni, quale autore di una rapina violenta in un bar del centro di Reggio Emilia nel febbraio  2017. 


Lupoli era uscito da qualche giorno dal carcere di via settembrini. Le immagini della video sorveglianza documentano che l’uomo, al bancone del bar, ha scogliato un boccale di birra in faccia a un avventore, poi finito all’ospedale con prognosi di 10 giorni. Subito dopo l’aggressione ha sottratto il portafoglio alla vittima, finita a terra, ed è uscito. Successivamente col bancomat del rapinato ha effettuato diversi prelievi fraudolenti. 

Lupoli colpisce la sua vittima in un bar del centro (immagine della Polizia di Stato)

In poco tempo la polizia ha individuato in Lupoli, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, come responsabile dell’aggressione e della rapina.  L’uomo però ha fatto perdere le sue tracce, sino a quando nel maggio di quest’anno – grazie alle ricerche condotte anche con l’ausilio dell’Interpol – non è stato catturato in Svezia per furto aggravato. Nei suoi confronti  è scattato il Mandato di arresto europeo emesso dal Tribunale di Reggio Emilia.

Scontata la pena in Svezia,  Lupoli  è stato estradato, ieri, in Italia; l’uomo si trova, ora, in carcere a Roma ove è stato preso in consegna dalla Polizia Penitenziaria.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *