La Reggiana riparte da Quintavalli, Conad e Romano

2/8/2018 – Ieri sera il sindaco Vecchi ha deciso: sarà  la neonata società Reggio Audace Football Club (presidente Luca Quintavalli, vicepresidente Marco Arturo Romano, a.d. Marco Carretti) a far ripartire la Reggiana dal campionato di serie D.

Sul tavolo del sindaco le valutazioni della commissione composta da William Punghellini, Mauro Rozzi presidente della fondazione Sport, dal commercialista dal Simone Caprari e da
Emore Manfredi (che al momento del voto è uscito a causa del rapporto di parentela con Quintavalli). alle 15 , termine ultimo del bando comunale, erano arrivate due proposte: quella della società  Reggio Audace Fc, vale a dire la cordata formata dagli imprenditori reggiani rappresentati da Corrado Baldini, dal colosso Conad Centro Nord e dall’imprenditore laziale Marco Arturo romano; e la proposta di Pt Group Managemente di Benevento, già in corsa per l’acquisizione del Cesena. Ma – ha dichiarato il sindaco . “non c’era molta chiarezza nella documentazione presentata, di conseguenza la scelta è caduta sulla Reggio Audace”.

Luca Quintavalli, della Olmedo, presidente di Reggio Audace FC

Severe le considerazioni di Vecchi sui coniugi Piazza: “Avevamo i padri padroni – ha dichiarato alla Gazzetta di Reggio – che avrebbero dovutyo portare la Reggiana in serie A, invece hanno portato i libri in tribunale. Quello che èp stato fatto in queste settimane dimostra che glim imprenditori reggiani ci sono, quando le cose vengono fatte in un determinato modo. Al momento giusto avvieremo anche le pratiche per riprendere il marchio Reggiana” .

Dai Piazza, tornati negli States, è arrivato un segnale positivo: la Reggiana-Reggio Audace potrà allenarsi nei campi di via Agosti, come ha sempre fatto, e la nuova società potrà utilizzare il primo piano della sede di via Mogadiscio.

Per lo stadio, si è parlato in questi giorni del Mirabello, tuttavia Romano vuole a tutti i costi che la squadra granata giochi al Mapei, e conta di avere al più presto un incontro con Squinzi.

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *